Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

« precedenti 10
  • Grandi vini italiani al servizio dell'arte

    Chi l'ha detto che il vino non può essere considerato un grande ambasciatore, un veicolo per stimolare relazioni internazionali e, meglio ancora, rappresentare un ottimo viatico, uno straordinario "biglietto da visita" per propagandare non solo i nostri stessi grandi vini all'estero, ma anche fornire un prezioso aiuto a favore dell'arte?

  • La Toscana sempre in primo piano

    L’"Eccellenza di Toscana", che presenta al grande pubblico quei vini che hanno ottenuto‭ ‬4‭ ‬e‭ ‬5‭ ‬grappoli di gradimento nella guida DUEMILAVINI‭ ‬2009‭ pubblicata‬ da "Bibenda", è l'appuntamento più importante che l’AIS Toscana, ossia l'Associazione Italiana Sommelier di questa regione, organizza ormai da ben‭ quattro ‬anni.

  • "Bollicine" italiane alla riscossa

    La crisi, a volte, fa anche bene. Ne sanno qualcosa i produttori italiani di spumanti visto che, in controtendenza rispetto ad altri prodotti e ad altri vini, le "bollicine" nostrane fanno segnare incrementi nei consumi e nelle vendite sul mercato nazionale e su quello estero, soprattutto quest'anno, contrariamente a quanto è accaduto per i "rivali" francesi dello Champagne.

  • L'Italia nel 2008 sarà il primo produttore al mondo

    Si è conclusa da pochi giorni la vendemmia del 2008 e i dati definitivi della raccolta 2008 arriveranno soltanto nei primissimi mesi del prossimo anno forniti dall'Istat.

  • Un Lambrusco nell’Olimpo del vino

    “Otello Nero di Lambrusco” di Cantine Ceci ha ricevuto ufficialmente i 5 grappoli di “Duemilavini” edizione 2009. È la prima volta che un Lambrusco riesce ad accedere nell’Olimpo dell’enologia italiana con punteggio d’eccellenza assegnato sulla guida più venduta in Italia e curata da Ais (l'Associazione Italiana Sommelier).

  • Nuovi vitigni da Amelia

    Il mondo dell’enologia, di tanto in tanto, riserva sempre delle sorprese. L’ultima proviene da Amelia, in provincia di Terni, dove sono stati scoperti da alcuni ricercatori dell’Università di Milano ben diciassette vitigni finora del tutto sconosciuti al mondo.