Questo sito contribuisce alla audience di

Pino Daniele

"Dimmi cosa succede sulla Terra"

L’anno seguente vede la pubblicazione di un nuovo album ì
Ferryboat” con la partecipazione di Gato Barbieri e Steve Gadd. L’interesse
di Pino per la musica etnica e il jazz nasce dai suoi esperimenti in nuove
forme di espressione che studia soprattutto durante i suoi tour europei.
L’album “Schiezzechea With Love” (1998) dimostra un’approfondita ricerca del
suono mediterraneo mescolata ai suoni Africani, inoltre nello stesso anno
Pino inizia la collaborazione con massimo Troisi, per il quale produce le
memorabili colonne sonore di “Le Vie Del Signore Sono Finite” e “Pensavo
Fosse Amore E Invece Era Un Calesse
“. L’album “Mascalzone Latino” del 1989
segna un ritorno a sonorità più acustiche, mentre due anni dopo il blues si
riaffaccia con “Un Uomo in Blues“, album che segna l’inizio di un nuovo
periodo creativo. “Non calpestare i fiori nel deserto” album che segue
numerosi lavori anche live, segna un nuovo ritorno alla musica internazionale
propria di Pino. L’album raggiunge i numeri uno di tutte le classifiche,
Pino vince il Festivalbar. “Dimmi cosa succede sulla terra” (1997) vince
dieci dischi di platino e l’anno successivo é decisamente l’anno di maggiore
successo per la carriera artistica di

Ultimi interventi

Vedi tutti