Questo sito contribuisce alla audience di

Rivivere la vita in un attimo

Importanza del rivivere la propria vita per autoconoscersi e correggere la strada intrapresa verso l'infinito

Alle persone agonizzanti, in fase di premorte, è data spesso la possibilità, grazie alla misericordia di Dio, di rivedere la propria vita passata, col giusto discernimento di quanto fatto in modo contrario al bene e quindi alla crescita (in maturità) spirituale-eterna.

Questa viene data come possibilità estrema di ravvedimento, per invertire la marcia che era in allontanamento dall’amore e quindi da Dio.

Nel rivedere i momenti della vita passata, con estrema lucidità, si può percepire con un livello di coscienza il cui intervento della mente sia solo funzionale e non più dominante (poichè nella situazione di bassa vitalità dell’agonia è indebolita tale azione), tutto ciò che è in contrasto con le caratteristiche innate dello spirito, che vedono lo stesso attratto dalla corrente magistrale (d’ amore) di Dio, centro dell’universo e del tutto ciò che è.

Qundi se la volontà della persona agonizzante sceglie Dio, comprendendo in profonda consapevolezza le sue scelte di non amore, inverte la sua rotta e definitivamente va verso la corrente d’amore divino.

Nei casi di premorienza è ricorrente il fenomeno innanzi detto, in essi parecchi dichiarano di essere profondamente dispiaciuti del dolore provocato con le loro scelte (azioni volontarie) di non amore.

Si rendono conto che non è ancora troppo tardi per rimediare ed invertono con estrema lucidità la loro tendenza egoistica del non amore ben predisponendosi ad amare tutto il creato.

Perciò molte persone dopo tali esperienze, “ritornando” in vita nel loro corpo risultano esser trasformati, ciò non toglie però che il ritorno in “forza” della mente non produca nuove battaglie tra l’intenzione di amare dell’anima e la modalità egoistica della mente stessa.

Tali persone mostrano inoltre un cambiamento, anche radicale per quanto riguarda la parte spirituale, con l’accentuazione dell’intuizione (illuminata), l’empatia ed i colloqui con Dio, oltre al rafforzamento della propria capacità di credere nei valori eterni.

Tutto ciò non deve far altro che farci riflettere e comprendere che prendendo ad esempio tali esperienze e le conseguenze delineate come un tesoro per la nostra vita futura, possiamo cambiare rotta anche noi, attraverso l’autoconoscenza che attiveremo in autocorrezione per ogni singola imperfezione che ci svia ed allontana dall’amore di Dio che invece dovremmo esercitare con tutte le creature.

Argomenti

Ultimi interventi

Vedi tutti