Questo sito contribuisce alla audience di

Amicizia e amicalità-parte III

Continua anche la riflessione attorno il sentimento dell'amicalità. Questa forma moderna di 'resistenza' passa, inevitabilmente, attraverso una trasformazione personale che riesca a farci ritrovare la gioia dei sentimenti più lievi.

L’amicalità, abbiamo visto negli interventi precedenti, è un modo responsabile e cosciente di porsi nei confronti dell’altro. E’ più intenzionale dell’amicizia. Ma anch’essa spontanea e soprattutto gratuita. Ma come favorire il suo nascere e svilupparsi? quanti di noi nei rispettivi luoghi di lavoro possono dire di respirarla? Come poi trasportarla fuori? Io credo che una parte di colpa in questo sia da attribuire anche ad una visione pessimistica della natura umana. Come se l’uomo non fosse più in grado di autogovernarsi, di esprimere le proprie risorse positive.
Ecco perché su uno sfondo così poco favorevole è ancor più necessario costruire forme di relazionalità amorevole e amicale. Questa forma moderna di ‘resistenza’ passa, inevitabilmente, attraverso una trasformazione personale che riesca a farci ritrovare la gioia dei sentimenti più lievi. Chi vi scrive deve constatare di avere ancora moltissima strada da compiere. Un pezzetto forse potremmo farla assieme, anche attraverso queste pagine.

Ultimi interventi

Vedi tutti