Questo sito contribuisce alla audience di

Italiani, popolo di poeti, navigatori e... Orsanti

Ma chi erano questi Orsanti? Ve lo racconta un museo veramente fuori dal comune.

Il fenomeno degli Orsantí nacque sul finire del 1800 nella alta Val di Taro e Valceno
ad opera di valligiani che si improvvisarono addestratori di animali, come orsi, scimmie, cammelli ecc. e
uomini-musica, che suonavano da soli vari strumenti. Si esibivano in Italia nelle piazze di città e
paesi per guadagnarsi da vivere.
Il Museo “Gli Orsanti” di Compiano, unico in Europa documenta
ampliamente il fenomeno, per quanto attiene l’Italia.
Artisti girovaghi, musicisti senza meta, gli Orsanti partiti da Compiano, sull’Appennino parmense, hanno girovagato per tutto il
continente con orsi ammaestrati, scimmie e pappagalli, finendo per assomigliare agli zingari
di cui avevano assunto l’aspetto pittoresco, il comportamento sfrontato e il linguaggio
buono per ogni contrada. Costretti a divenire girovaghi, nell’arco di alcuni secoli emigrarono
in paesi lontani alla ricerca di una vita migliore. Saltimbanchi, giocolieri, acrobati,
ammaestratori di animali, poco alla volta quella dell’orsante divenne una professione, e i
contadini si trasformarono in gente di spettacolo facendone un mestiere ereditario.
Ora
sono finalmente tornati a casa, sull’Appennino parmense, dove una signora di nome Maria
Teresa Alpi ne ha immortalato il ricordo in un bellissimo Museo.
Ogni domenica, fino alla fine di giugno, ilMuseo resta aperto dalle 15 alle 19. Nei mesi di luglio e agosto il museo degli Orsanti resta aperto tutti i giorni dalle 16
alle 19, e il sabato sera anche dalle 21 alle 24. Lunedì è il giorno di riposo settimanale. Il
biglietto di ingresso costa 3 euro, per gruppi di almeno 15 persone il costo è di 2 euro, ed è
consigliata la prenotazione.
Quest’anno il museo offre una grande novità, lo spettacolo
“L’ultimo degli Orsanti”, realizzato in collaborazione con Dante Cigarini e la sua “Scatola
magica” e con il patrocinio dell’Amministrazione provinciale di Parma. E’ l’affascinante
leggenda degli uomini che inventarono il circo, ispirata al mondo del teatro viaggiante e
degli artisti girovaghi, messa in scena dallo stesso Dante Cigarini e da Antonello Pinto. La
prima assoluta de “L’ultimo degli Orsanti” andrà in scena domenica 10 aprile al Castello di
Compiano alle 16
, offerto dall’Associazione culturale Barbara Alpi. In seguito lo spettacolo
andrà in tour in tutta Italia, e ritornerà a Compiano durante l’estate, in occasione del
Festival dei Girovaghi.

Per informazioni Associazione Culturale Barbara Alpi Via Costa 3, Compiano (PR) tel.
0525.825513.