Questo sito contribuisce alla audience di

IDENTITA' GOLOSE

Congresso italiano di cucina d'autore, a Milano dal 29 gennaio al 1° febbraio 2006

Dal 29 Gennaio al 1° Febbraio 2006 a Milano si svolgeranno i quattro giorni di Identità Golose, Congresso italiano di cucina d’autore ideato e curato dal giornalista e gastronomo Paolo Marchi. Identità Golose è una concezione ma anche un luogo fisico dove al momento 38 dei i migliori chef del mondo, si incontrano per tenere delle vere e proprie relazioni sulle innovazioni più creative in cucina, frutto di lungo studio e tenace sperimentazione. A Palazzo Mezzanotte, per tre giorni, i migliori chef del mondo (Italia, Francia, Spagna, Grecia, Slovenia, Svezia e Stati Uniti i paesi di provenienza degli chef) saliranno sul palco per tenere delle vere e proprie lezioni di haute cousine. Trenta minuti di intervento con alle loro spalle in collegamento audiovisivo, una cucina nella quale i loro più stretti collaboratori metteranno in pratica quello che “l’autore” sta descrivendo sul palco mostrando le meraviglie tecnologiche e creative della sua cucina. Come l’anno scorso, anche quest’anno il Congresso ha eletto una regione Italiana come ospite che sarà rappresentata dai suoi migliori interpreti. Un po’ aristocratica, un po’ contadina, tra mare e montagna, il Friuli Venezia Giulia, sarà la regione protagonista della seconda edizione. Se nel 2005 alcuni tra i migliori chef del mondo (18 i protagonisti dell’anno scorso) hanno sorpreso e entusiasmato oltre 1500 persone con le loro creazioni d’autore, quest’anno lo spettacolo resta a tavola…per aspettare il dessert. Al gusto dolce, spesso messo in secondo piano quando si parla di cucina d’eccellenza, verranno dati momenti di grande attenzione. Il terzo giorno, infatti, il dessert salirà sul palco di Identità Golose con i suoi migliori autori come una naturale prosecuzione di un pasto di eccellenza. “Sono anche mondi che a livello pratico, quotidiano faticano a intendersi. Lo chef pensa agli atti salati, antipasto, primo e secondo, che scandiscono da sempre il suo lavoro e al pasticciere riserva una carta a se stante, quasi un volersi distinguere, come se un dessert banale non possa rovinare il ricordo di una cena con i fiocchi. E il pasticciere guarda al cuoco come a un improvvisatore, a uno che procede per istinto e non per logica. E’ giunto il momento che questi due mondi si parlino e si confrontino, che gettino un ponte tra loro e in prospettiva un secondo verso il pianeta della pasticceria da asporto che ha tutt’altre verità e ritmi.” Aggiunge ancora Paolo Marchi. Per creare questo incontro di anime e è stato creato Dossier Dessert: un evento zuccheroso parallelo al Congresso, due giorni durante i quali i migliori gelatieri e chef patissier di Italia, Spagna e Francia parleranno della loro arte e prepareranno alcune delle loro specialità che i fortunati presenti potranno anche gustare. Il primo giorno di Dossier Dessert sarà interamente dedicato al gelato, mentre il secondo giorno il palco sarà tutto per gli chef patissier della storica fabbrica francese di cioccolato Valrhona. Sarà una grande occasione per osservare da vicino e gustare, al termine di ogni performance, il risultato di nuove tecniche e soluzioni creative a cui ispirarsi per rendere sempre più emozionante, unica e golosa la Carta del Dessert. Inoltre Identità Golose uscirà dai confini di Palazzo Mezzanotte per coinvolgere alcuni tra i migliori ristoranti di Milano e hinterland in un percorso di gusto e originalità che rispecchi la filosofia del Congresso. I RELATORI ITALIANI: Dal Friuli Venezia Giulia, regione ospite della seconda edizione: Emanuele Scarello del ristorante Agli Amici di Godia (Udine). Andrea Canton dell’Antica Trattoria La Primula a San Quirino (Pordenone). Attias Tarlao dell’Androna a Grado (Gorizia). Dalla Toscana Fulvio Pierangelini del Gambero Rosso a San Vincenzo (Livorno). Dalla Lombardia: Carlo Cracco del Cracco-Peck di Milano; Vittorio Fusari del Volto di Iseo (Brescia). Dal Piemonte: Davide Scabin del Combal.Zero a Rivoli (Torino); Alfredo Russo del Dolce Stil Novo di Ciriè (Torino). Dal Veneto: Massimiliano Alajmo de Le Calandre a Rubano (Padova).Dall’Emilia Romagna: Massimo Bottura dell’Osteria La Francescana di Modena. Dalle Marche: Moreno Cedroni della Madonnina del Pescatore a Marzocca di Senigallia (Ancona);Mauro Uliassi del ristorante Uliassi a Senigallia (Ancona). Dal Lazio: Anthony Genovese de Il Pagliaccio di Roma. Dalla Campania: Alfonso Caputo de La Taverna del Capitano a Nerano – Marina del Cantone (Napoli). I RELATORI STRANIERI Ferran Adrià del ristorante El Bulli di Cala Montjoi a Roses (Spagna); Wylie Dufresne del Wd-50 di New York (USA);Tomaz Kavcic del Gostisce Pri Lojzetu a Vipavska (Slovenia); Pascal Barbot del ristorante Astrance a Parigi (Francia); Dani Garcia dell’Hotel Melia a Marbella (Spagna); Christoforos Peskias del 48 The restaurant ad Atene (Grecia); Mathias Dahlgren del Bon Lloc a Stoccolma (Svezia); Jordi Herrera del ristorante Manairò a Barcellona (Spagna);I RELATORI DEL DOLCE Angelo Corvitto maestro gelatiere a Torroella del Mongri in Spagna; Jordi Roca di El Celler de Can Roca a Girona in Spagna; Corrado Assenza del Caffè Sicilia a Noto (Siracusa); Heinz Beck de La Pergola dei Cavalieri Hilton a Roma; Iginio Massari della Pasticceria Veneto a Brescia; Jordi Butron di Espai Sucre a Barcellona; Enrico Chicco Cerea di Da Vittorio a Brusaporto (Bergamo); Loretta Fanella de El Bulli di Cala Montjoi a Roses in Spagna. Durante i quattro giorni di Identità Golose, 12 ristoranti milanesi renderanno omaggio all’eccellenza e alla creatività in cucina, proponendo speciali menù di degustazione ispirati al Congresso. Mentre i 38 chef migliori del mondo si avvicenderanno sul palco di Identità Golose per tenere delle vere e proprie lezioni di cucina d’autore, in 12 ristoranti milanesi sarà possibile degustare uno speciale menù ideato dagli chef dei singoli ristoranti che si ispira alla creatività e alla passione di cui Identità Golose è il manifesto.

Questi i ristoranti “targati” Identità Golose 2006 e i loro chef:
1 - L’Ape Piera di Nicola Cavallaro
Via Lodovico il Moro, 11
2 – Cracco-Peck di Carlo Cracco
Via Victor Hugo, 4
3 – D’O di Davide Oldani
Via Magenta, 18
4 – Emilia & Carlo di Nicola Banditori, Chef Andrea Galli
Via Sacchi, 8
5 – Innocenti Evasioni di Eros Picco e Tommaso Arrigoni
Via della Bindellina, 1
6 – Joia di Pietro Leemann
Via P. Castaldi, 18
7 – Liberty di Andrea Provenzani
V.le Montegrappa, 6
8 – Lovenfood di Bruno Soleri
Via Muratori, 50
9 – Il luogo di Aimo e Nadia di Aimo e Nadia Moroni
Via Montecuccoli, 6
10 – Sadler di Claudio Sadler
Via Conchetta, 14 (ang.Via Troilo)
11 – Trattoria del Nuovo Macello di Giovanni Traversone, Marco Tronconi (chef) e Paola Traversone (in sala)
Via Lombroso, 20
12 – Don Carlos di Alfredo Russo
Via Manzoni 29