Questo sito contribuisce alla audience di

Perché Duchamp?

Il 4 ottobre (ore 9,30) alla Galleria d'Arte Moderna...

In occasione della presentazione del libro di Carla Subrizi, Introduzione a Duchamp (Edizioni Laterza 2008), la Galleria nazionale d’arte moderna ha organizzato con l’autrice un momento di riflessione e dibattito intorno alla figura dell’artista, a quarant’anni dalla scomparsa avvenuta il 2 ottobre 1968.
L’intera giornata del 4 ottobre sarà articolata in una serie di interventi che affronteranno il ruolo e la funzione di Duchamp all’interno dell’arte del XX secolo.
Durante la mattina si considererà da un punto di vista storico e critico ciò che Duchamp ha costituito per l’arte del Novecento; ci si interrogherà inoltre sulle metodologie di storicizzazione che oggi, all’inizio del XXI secolo, è necessario riconsiderare e che proprio la figura di Duchamp pone di fronte a evidenti contraddizioni. Se Duchamp è stato e è ancora considerato il “padre” di tutte le rotture avvenute nell’arte del XX secolo, il libro offre numerosi spunti per riflettere su questa prospettiva storica, proponendo diverse ipotesi e punti di vista.
Il pomeriggio sarà invece dedicato a testimonianze e interventi di artisti che hanno conosciuto Marcel Duchamp o che con l’ artista si sono confrontati per ragioni diverse, ma comunque alla base di quanto nella seconda metà del Novecento, fino ai decenni più recenti, ha costituito una trasformazione nella concezione e nella realizzazione dell’opera d’arte.

Tra gli studiosi e gli artisti che parteciperanno alla giornata, introdotta dalla soprintendente Maria Vittoria Marini Clarelli, insieme a Angelandreina Rorro e all’autrice interverranno: Gianfranco Baruchello, Silvia Bordini, Rossana Buono, Luciana Cassanelli, Jolanda Nigro Covre, Emanuela De Cecco, Giuseppe Di Giacomo, Bruna Esposito, Emilio Fantin, Flavio Favelli, Maria Grazia Messina, Luca Patella, Cesare Pietroiusti, Roberto Pinto, Maria Letizia Proietti, Antonella Sbrilli, Franco Vaccari, Claudia Cieri Via, Cesare Viel, Luca Vitone, Claudio Zambianchi, Rosalba Zuccaro.