Questo sito contribuisce alla audience di

HULK HOGAN? UN BUTTAFUORI

Fede Rocky Triulzi è in partenza per gli USA dove ci racconterà tutto da oltre oceano sul wrestling! In attesa del primo numero from USA ci lascia una chicca sulla vita di The Immortal Hulk Hogan e sulla sua esperienza da buttafuori!

Mentre la WWE prepara i match e le varie faide per il prossimo PPV,
SummerSlam, e l’estate avanza, io vi vorrei raccontare qua

Mentre la WWE prepara i match e le
varie faide per il prossimo PPV, SummerSlam, e l’estate avanza, io vi vorrei
raccontare qualche “chicca” della vita dell’Immortale Hulk Hogan. In questa
sede potrete leggere la storia, tratta dalla sua autobiografia, di Terry Bollea
(aka Hulk Hogan) quando era un buttafuori.

“Un’altra cosa che probabilmente avrete letto da qualche parte sul mio
conto, è che io avrei lavorato come “buttafuori”.  Brother, anche questa storia è tutto meno che vera…
se facciamo eccezione per una notte al Proud Lion, un bar che si trova vicino
alla casa dei miei genitori e che molti miei compagni di scuola avevano
l’abitudine di frequentare.  I ragazzi che tenevano d’occhio le entrate di questo
locale, erano tutti sollevatori di pesi che frequentavano la stessa palestra
dove mi allenavo io. Essi tenevano molto al loro lavoro, perché ai “buttafuori”
del Proud Lion toccavano sempre le ragazze più belle presenti nel locale. Il
motivo credo risiedesse nel fatto che questi ragazzi evocavano un certo fascino
sulle donne. Solitamente anche io mi appostavo vicino alla porta, ma non per
controllare le carte di identità. Semplicemente bevevo, parlavo e discutevo con
i miei compagni di palestra che nel frattempo stavano svolgendo il loro lavoro.
 Una notte come tante
altre, un mio amico che si trovava alla postazione d’entrata mi chiese, “hey
fratello, devo uscire un attimo. Starò via per cinque o sei minuti. Potresti
dare un’occhiata all’entrata per me?”.  “Certamente” gli risposi, “vai pure tranquillo”.

Ed è così che divenni lo “sceriffo” della situazione, anche se solo per un
momento. Ma poco prima che il mio amico tornasse, vidi le luci del locale che
cominciarono a spengersi e questo significava che erano le due del mattino ed
il bar stava per chiudere.Alcuni ragazzi si stavano dirigendo verso l’uscita ed
uno di loro aveva una Heineken in mano. Gli dissi, “Mi dispiace fratello, ma
non puoi portare questa birra fuori. La dovresti lasciare dentro il bar oppure
puoi sempre finirla prima di uscire”.

Credo che questo tipo fosse abbastanza ubriaco, perché lo avevo già notato
nel corso della serata. Ma non sembrava che volesse avere rogne, quindi mi
disse, “Non c’è problema”.  Ed infatti non avevo motivo di pensare il contrario.  Il ragazzo si scolò l’intera Heineken di
fronte a me. Poi appoggiò la bottiglia per terra e pensai che se ne andasse.  Mi voltai un attimo per augurare la buona notte a
qualcuno e quando mi girai di nuovo verso l’uscita, quel ragazzo aveva
nuovamente la bottiglia in mano e la frantumò violentemente sulla mia faccia.

Non avevo sentito un grande dolore. Ero più che altro sorpreso, quasi come
se mi trovassi in stato di “shock” o qualcosa del genere. Mi toccai la faccia e
mi accorsi che perdevo sangue un po’ ovunque.  Pensai subito di inseguire quel tipo per dargli una lezione, ma
due dei suoi compagni lo presero e lo portarono via prima che io avessi il
tempo di pensarci.  Risultò
che tutto quel sangue veniva da alcune piccole ferite causate ovviamente dalle schegge
di vetro, ma mi sarebbe potuta andare anche molto peggio. I vetri avrebbero
potuto colpirmi negli occhi e sarei potuto rimanere cieco per tutta la vita. Fortunatamente
la bottiglia mi colpì nella parte più dura della mia testa, quindi non riportai
delle grosse ferite.  E
questa è stata la mia unica esperienza come “buttafuori”.”

Cosa ve ne pare?
Beh secondo me ha avuto una carriera migliore come wrestler che come
buttafuori…

Ci risentiamo la
prossima settimana, in cui torneremo un po’ più seri e parleremo della miglior
federazione al mondo…la World Wrestling Entertainment

Ciao

Federico “rocky”
Triulzi

Le categorie della guida

Link correlati