Questo sito contribuisce alla audience di

March Madness

Di solito la March Madness, la pazzia di marzo, non è legata al wrestling ma al basket NCAA che proprio in questo mese incorona l’ateneo più forte. Quest’anno il concetto può essere abbinato anche al wrestling. Volete sapere il perché? Basta leggere il nuovo numero di Target On di Lord Kobe...

Di solito la March Madness, la pazzia di marzo, non è legata al
wrestling ma al basket NCAA che proprio in questo mese incoron

Di solito la March Madness, la
pazzia di marzo, non è legata al wrestling ma al basket NCAA che proprio in
questo mese incorona l’ateneo più forte. Quest’anno il concetto può essere
abbinato anche al wrestling. Volete sapere il perché? Andate avanti con la
lettura…

New York New York (Pt. 1). L’evento
clou del mese è inutile dire che sarà Wrestlemania 20. Nel lontano 1984, a New
York, la WWE (allora WWF) teneva la prima edizioni di quello che è diventato
l’evento per antonomasia nel mondo del wrestling. Anche allora, come 10 anni
dopo, il luogo è lo stesso del ventennale: New York. L’arena è la stessa ed è IL tempio dello sport, il Madison Square
Garden, l’arena che ha visto nascere Wrestlemania, l’arena su cui la WWE ha
l’esclusività (ora inutile), l’arena che vide l’inizio dell’Invasione della WCW
quando Mike Awesome conquisto il WWE Hardcore Title, che vide la Kliq salutarsi
davanti al pubblico prima che Hall e Nash lasciassero la federazione per la WCW
mandando su tutte le furie Vince per quel gesto (ma il solo a pagare fu un
certo HHH). Si è parlato a lungo di questa edizione, dei possibili match, dei
sogni della parata di stelle a cui si
potrebbe assistere. Alcuni di noi saranno a New York, a vivere lo show (il
wrestling lo si guarda in tv, ma nelle arene lo si vive). Altri saranno davanti
alla TV, altri davanti al computer. Lo show ha forse una card scontata,
soprattutto per chi gira in internet, ma alla fine credo che sia quello che la
maggioranza dei fans voleva, anche se io sono sempre dell’idea che TUTTI i
titoli vadano difesi nei PPV, e Orton non metterà in palio il titolo
intercontinentale. Purtroppo non possiamo avere tutto dalla vita. Da diversi mesi poi non si parla più di
possibili sorprese per il PPV, il che non vuol dire che non ce ne saranno.
Nessuno in rete aveva annunciato un anno fa il ritorno di Piper ad esempio. Se
anche quest’anno ci deve essere un ritorno, io punto su due nomi: Bret Hart e
Paul Bearer. Se nel primo caso, si
tratta semplicemente di una speranza, anche se Bret e Vince si sarebbero
incontrati più volte negli ultimi tempi, nel secondo forse c’è qualcosa di più
concreto, visto che il diretto interessato ha fatto sapere che per un po’ non
posterà commenti sul suo sito personale. Di solito questi silenzi vengono interpretati
come un segno che tra la WWE e l’interessato ci sono dei contatti (vedi Nash 2
anni fa, Goldberg un anno fa). Penso che sia superfluo dire in che ottica rientrerà,
se rientrerà, alla WWE. Per quanto riguarda i match, ne abbiamo per tutti i
gusti: dal Dream Match (che onestamente, a me non attira molto) Goldberg vs
Lesnar con Austin come arbitro, al match per rifarsi gli occhi (Stacy &
Miss Jackie vs Torrie & Sable), al match per amanti dei pesi leggeri
(Cruiserweight Open), per i tecnici (Angle vs Guerrero) e via discorrendo su
tutta la card, per un evento che durerà all’incirca 5 ore, record per la
un’edizione del PPV. E soprattutto i match non sono così scontati come sembra o
si dice, vista la presenza di diversi fattori, anche esterni al wrestling quali
cinema, negoziazioni, rinnovi e tagli vari

Offerta speciale 3 in 1. Di solito
le indies non fanno più di uno show al mese, soprattutto per motivi di budget.
La CZW non fa eccezione in queste anche se da gennaio ha già tenuto 3 show, di
cui 2 in un week end. Quello di marzo sarà un mese piuttosto intenso visto che
prevede ben 3 show, due negli USA e uno qui da noi a Parma. E se negli USA
hanno potuto finalmente assistere dal vivo al match tra Zandig e Messiah, a
Parma (il 27) saremo noi europei (visto che arriveranno fan dal Regno Unito e
non solo) ad assistere al debutto dell’ex ECW Sabu, uno dei wrestler di punta
di quella che era la federazione di Heyman, e ad uno show che vede la presenza
di 3 wrestler della NWA TNA: Sabu, Jimmy Rave e Sonjay Dutt. Cosa possiamo
chiedere di più? La mia speranza è che
ci sia più gente possibile, per dare una dimostrazione che l’Italia è un
mercato di buonissimo livello per il wrestling…vedremo come andrà a finire. Intanto,
la prevendita su Ticket One è iniziata e su href="http://www.czwwrestling.it/">www.CZWWrestling.it ci sono tutte le
indicazioni sullo show e le notizie sulla CZW.

New York New York (Pt. 2). Ad
approfittare del weekend di Wrestlemania, saranno in tanti. Quando la WWE ha
annunciato l’assenza di una giornata dedicata ai fans (dopo il flop degli
scorsi anni), la Ring Of Honor ha colto la palla al balzo organizzando uno show
il giorno prima di Wrestlemania poco fuori New York, ad Elizabeth nel New
Jersey. Ma non si è limitata a questo, visto che nel pomeriggio ci sarà uno
show a prezzo ridotto (5 dollari) con la partecipazione di wrestler che
debuttano per la Ring Of Honor e che vogliono mettersi in mostra seguita da una
sessione di autografi con Roddy Piper. Inoltre nello show vero e proprio il
match tra AJ Styles e CM Punk valido per il Pure Wrestling Title, avrà un
arbitro speciale: Ricky “The Dragon” Steamboat. Lo show vedrà anche la partecipazione (dopo che si era
autoinvitato) di Teddy Hart, che fa così il suo ritorno alla ROH dopo la famosa
notte in cui venne buttato fuori dall’arena (stessa arena di questa volta), e
dopo aver fatto parlare a lungo per i suoi comportamenti extra ring, ultimo dei
quali la rissa alla TNA con CM Punk, interrotta soltanto da Sabu. La casa madre
della ROH, la RF Video non ha intenzione di farsi scappare l’opportunità di
fare soldi e per questo ha, dopo un sondaggio sul proprio sito, inserito Hart
nello show. A questo, bisogna aggiungere la decisione di filmare un Empty Arena
Match tra Hart e Steve Corino (come si parlava
da tempo) che verrà registrato nella palestra della Ring Of Honor.

Sempre il 13 marzo a Totowa, nel New Jersey, ci sarà “Fan
Slam! A Tribute to Wrestlemania 1” una fiera dedicata a Wrestlemania 1 dove
diverse stelle del passato saranno a disposizione per autografi erisponderanno
alle domande dei fan. Annunciati per la fiera le seguenti stelle: Bobby
“The Brain” Heenan, “Playboy” Buddy Rose, Tito Santana,
King Kong Bundy, Captain Lou Albano, Greg “The Hammer” Valentine,
“Mr. Wonderful” Paul Orndorff, Ricky “The Dragon”
Steamboat, “Cowboy” Bob Orton, The Iron Sheik, Nikolai Volkoff, David
Sammartino, The Fabulous Moolah, Leilani Kai.

NOTA: quanto scritto sulla Ring Of
Honor è precedente alla vicende giudiziarie del proprietario Rob Feinstein a
causa delle quali alcune cose potrebbero cambiare.

Le categorie della guida