Questo sito contribuisce alla audience di

Una nuova rivale per la WWE in arrivo?

Vince può stare tranquillo? Il suo monopolio sul mondo del wrestling è ora e per sempre oppure un altro "vecchio" marpione proverà nuovamente a detronizzarlo come è già accaduto? Tutto questo nel secondo Rocky's Thought...

Sono ormai passati quasi 4 anni dalle guerre del lunedì sera tra WWE Raw Is War e wCw Nitro. Con l’acquisizione della federazione di Atlanta da parte di Vince McMahon, la World Wrestling Entertainment ha preso il controllo totale della figura del Wrestling mondiale rimanendo l’unica, vera federazione esistente mettendo sotto contratto i migliori (bene o male) Wrestlers presenti nel giro. Questa operaziome ha portato la WWE ad avere un bacino d’utenza ancora più grande rispetto a quello degli anni precedenti e ad avere un Roster stellare, almeno sulla carta. Ma, come per tutte le altre cose, c’è il rovescio della medaglia che rappresenta la cosa più importante per i fan, cosa quindi fondamentale per la federazione. Sto parlando della qualità degli Show che, proprio da quando c’è stata l’acquisizione della wCw, ha subito un calo vertiginoso. E perchè questo?

Pensandoci in un primo momento verrebbe da dire: ma com’è possibile che, con un Roster ancora migliore, senza gli impicci di avere Nitro in contemporanea al lunedì sera gli Show invece di migliorare siano peggiorati? Sembra un contro senso, ma riflettendoci a mentre fredde non lo è. Il problema della WWE è proprio questo, il fatto di non avere nessuna rivale, nessuna federazione che possa impensierire il dominio della creazione dei McMahon. Ai tempi della wCw ogni sera era necessario trovare qualcosa di nuovo, qualcosa di interessante, qualcosa di mai visto prima per cercare di prevalere sugli avversari attirando più spettatori possibile a restare sulle reti WWF/E invece che cambiare su TNT dove andava in onda la federazione dei vari Sting, Goldberg, nWo. In questo modo gli Show, che siano questi Raw, SmackDown! e/o i PPV, risultavano essere sempre molto convolgenti e pieni di novità. I risultati si vedevano poi con i Ratings, che negli anni ‘99/’00 non scendevano mai sotto la soglia del 5.5 raggiungendo delle punte di 8.1 mentre oggi se raggiungono il 4.0 e’ un successo.

L’acquisto della wCw è stato quindi conveniente alla WWE?

Certamente si, non potrebbe essere altrimenti. Quelli che ci hanno rimesso sono però stati i tifosi, i fan, il succo del Wrestling, che si sono ritrovati con una federazione in meno e con quella restante che propone degli Show scadenti, non all’altezza di quello che tutti i “malati” di Wrestling, in ogni angolo della terra, si aspettano. Proprio per questo motivo, ormai dal 2002 cioè l’anno in cui la WWE ha iniziato la sua lenta ma progressiva decaduta, tutti si aspettano un movimento nel mondo del Wrestling statunitense. Tutti si aspettano la nascita di una federazione che possa contrastare il potere della WWE mettendo in scena delle cose nuove e non minestre riscaldate come vediamo ogni lunedì e giovedì sera. In questo modo si tornerebbe ad avere due federazioni di primo piano e molto probabilmente anche il livello della WWE tornerebbe ad essere quello di una volta.

Il primo a tentare questa mossa fu l’ex WWF nonchè pluricampione del mondo wCw Jeff Jarrett che mise in piedi, nella città natale Nashville, una federazione… la NWA-TNA. La federazione aveva ed ha nel roster dei nomi grossi, oltre allo stesso Jarrett troviamo infatti anche Sting, Dusty Rhodes (che però non sempre combatte) ed AJ Styles (forse il giovane piu’ promettente sul suolo americano). Ma, come tutte le altre federazioni indipendenti (anche se sarebbe riduttivo classificare la TNA come una Indy) manca una sola, ma fondamentale cosa… i soldi! La federazione infatti, per quasi un anno, non ottiene un contratto TV dovendo quindi fare ogni Show (uno a settimana) in PPV, sicuramente non una scelta adattissima per una nuova federazione. Negli ultimi giorni Jarrett è riuscito a firmare un contratto televisivo con Fox Sports Network. A questo punto la TNA si ritroverà con il PPV del mercoledi più l’appuntamento con lo Show settimanale “free” chiamato Impact. Sarà abbastanza per impensierire la WWE? No, credo proprio di no. Se a questo aggiungiamo il fatto che la “stella”, il nome più grosso delle federazione, cioè Sting, si fa vedere una volta ogni due mesi direi che la WWE può dormire sonni tranquilli.

Dormire sonni tranquilli… hmm, forse nemmeno tanto tranquilli.

Alcune settimane fa è arrivata una notizia schock nel mondo del Wrestling: Ted Turner (padrone della wCw e della Warner Inc.) sembra seriamente intenzionato a rimettere in piedi una federazione, stile wCw, che vada a mettere i bastoni tra le ruote di Vince McMahon. Le voci che circolano vedono i due free agents di lusso, Stone Cold Steve Austin e Goldberg molto vicini a firmare un contratto per questa federazione che dovrebbe aprire le danze nel 2005. Conoscendo fama e popolarità di questi due “pelati” e soprattutto sapendo che i fondi del portafoglio del Sig.Turner sono quasi infiniti possiamo dire con una totale certezza che questa notizia potrebbe veramente sconvolgere il panorama del Wrestling mondiale. A questo punto anche i fan della WWE più accaniti che hanno sempre odiato a fondo i rivali della wCw, come me ad esempio, pregano nell’arrivo di questa nuova creatura di Turner sperando quindi che la WWE, incentivata e stimolata da una nuova sfida, torni su queli livelli eccezionali che aveva raggiunto in piena guerra dei Ratings con la wCw. Come vedete bollono molte cose in pentola… non ci resta che aspettare. Solo il futuro saprà dirci qual’è sarà il futuro della WWE e del mondo del Wrestling.

Le categorie della guida