Questo sito contribuisce alla audience di

Draft Lottery 2005: chi sposterei io…

Ormai la draft lottery è alle porte, 5 scambi di roster, senza contare magari i wrestler che i general manager inserirebbero nelle trattative per trattenere alcuni grandi nomi. Ecco i commenti di Gabriele "Atombomb" Beggiora. Non pronostici, ma speranze ed idee.

Da Raw a SmackDown!

 

Randy Orton: E’ giovane, è forte, è capace, ma i bookers di Raw sembrano aver esaurito le buone idee per lui, inoltre il suo periodo da face ha deluso, ed i bookers l’hanno capito, infatti il suo turn heel è già iniziato, con la sfida lanciata (e persa :p) ad Undertaker, soprattutto vedendo come si è comportato nei confronti del Phenom nelle puntate che precedevano WrestleMania 21. Portarlo a SmackDown lo aiuterebbe a reinserirsi nel business in un roster il cui pubblico ha sicuramente meno aspettative di quello di Raw, pubblico che ultimamente acclamava più gli heel di lui, esempio lampante è l’heat ricevuto da Batista a New Year’s Revolution, o come si suddivise il pubblico alla Royal Rumble durante il suo match con Triple H.

 

Christian: A Raw disputa match importanti, il problema è che li disputa da jobber. Un grande talento sul ring e al microfono che però a Raw non trova spazio, credo a causa del suo fisico non proprio statuario. In un contesto meno da heavyweight come quello di SmackDown credo proprio che Captain Charisma possa trovare la sua dimensione ideale, concorrere immediatamente per il titolo americano e perchè no per il titolo WWE. Consideriamo anche che la resa sia da face che da heel sarebbe eccellente.

 

Chris Jericho: Stesso discorso fatto per Christian. Y2J è uno dei talenti più cristallini degli ultimi anni, senza contare le sue innate e sopraffine doti di intrattenitore. A Raw si ritrova relegato in una posizione troppo bassa per uno che è stato in primo Undisputed Champion, e vedendo il modo in cui viene utilizzato il suo personaggio non ci si stupisce quando si leggono notizie che lo vogliono dubbioso in merito al rinnovo del contratto. Un suo spostamento gioverebbe sia a lui che allo show azzurro, per il resto non c’è nulla da dire che non sia già stato detto per Christian.

 

*: Consideriamo anche le grandi capacità di high flying moves che hanno Chrisian e Chris Jericho, cosa che dal pubblico di SmackDown sarebbe molto apprezzata e che si sposerebbe meglio con la natura più spettacolare, di entertainment e meno violenta di questo show.

 

Chris Masters: Come carisma e mic skill direi che ci siamo, ma come abilità sul ring c’è molto da lavorare. La WWE ha fiducia in questo ragazzone, fiducia che potrebbe essere ben riposta se a The Masterpiece venisse offerta la possibilità di esprimersi di fronte ad un pubblico meno esigente, in un roster dove un push per qualche cintura non sarebbe uno scandalo, dato che hanno ricevuto push e cinture lottatori scarsissimi come Orlando Jordan, Kenzo Suzuki e John Cena. Speriamo che se lo scambio avvenisse per permettergli di crescere non faccia la fine di un talento come René Duprée.

 

Steven Richards: Toc! Toc! WWE! Vi siete resi conto di chi avete a libro paga? Avete Steven Richards, un cruiser coi fiocchi, perchè lo fate lottare, oddio lottare, jobbare e subire umilianti squash in un roster fatto in maggioranza da pesi massimi?! Spostarlo a SmackDown gli darebbe la possibilità di lavorare con altri eccellenti cruiser e tirare fuori match godibilissimi e dare un motivo alla sua permanenza in WWE.

 

Da SmackDown a Raw

 

Kurt Angle: C’è poco da dire, a SmackDown jobba a gente come Cena, e lavora con atleti che non sono in grado di collaborare con la sua immensa classe per offrire dei match degni del nome e della storia della federazione. A Raw da heel potrebbe riproporre i dream match con Chris Benoit ed HBK, da face avrebbe la strada spianata per i feud con Hassan e The Game. Se tanto si è deciso a priori di non affidargli altri titoli almeno mettiamolo nelle condizioni di offrire dei grandi match. Se solo penso a quello che Kurt Angle potrebbe fare a Raw mi commuovo dalla gioia.

 

Undertaker: A SmackDown è sprecato, non ha alcun avversario credibile, anche le storyline lasciano a desiderare. A Raw si potrebbe impiegare meglio il suo personaggio, anche senza titoli, non ne ha bisogno, inoltre i suoi regni sono sempre stati piuttosto deludenti.

 

Big Show: Per il semplice fatto che non ho ancora capito cosa ci faccia un gigante come lui in un roster dove potrebbe dispensare incredibili squash a chiunque, e dove invece fa perennemente la figura del tontolone di turno, a Raw, uno show più “crudo”, potrebbe mettere in mostra la sua grande forza.

 

Charlie Haas: Relegato al ruolo di jobber con Hardcore Holly, è frustrante vederlo ridotto così quando siamo tutti consapevoli delle sue capacità tecniche, io tenterei di rimetterlo insieme a Shelton Benjamin per formare ancora quella bellissima ed affiatatissima coppia, o al fianco di qualche “vecchio” che l’aiutasse a colmare questa sua lacuna.

 

Il quinto? Non riesco a trovare nessuno nel roster dello show del giovedì sera (e da settembre del venerdì) abbastanza maturo e con le capacità necessarie per affrontare un grosso esame come quello di Raw, non vedo inoltre nessuno che potrebbe portare delle migliorie al roster rosso; questo la dice lunga sul livello a cui è sceso SmackDown negli ultimi tempi, l’assenza dell’assoluto genio di Paul Heyman dal booking team capitanato da Stephanie McMahon in Levesque si fa sentire, eccome. Il quinto potrebbe essere proprio lui: Paul Heyman, un suo ritorno in pianta stabile e con licenza di creare darebbe una sferzata di novità, creatività ed interesse a SmackDown, ridarebbe tutto quello che è mancato da quando Heyman non collabora più col writing team di SmackDown. Ovvero dal 6 Settembre 2004 quando fu inserito nel creative team di Raw, e con la sua successiva rimozione da entrambi i booking team WWE il 3 Novembre 2004, perchè sorpreso da Stephanie a spiare una riunione on line dei bookers di SmackDown.

Le categorie della guida

Link correlati