Questo sito contribuisce alla audience di

Viva la Raza…siempre: un Greenmist per Eddie

Un doveroso omaggio per Eddie anche da parte di Mooregasm, che in passato ha messo in discussione alcuni feud di Guerrero ma mai e poi mai l'uomo di cui aveva stima ed ammirazione incrollabili

So che questo mio numero dedicato ad Eddie è solo una piccola goccia nell’oceano degli articoli dedicati al simpatico messicano,so anche che a quest’ora dovrei pensare a Karl Marx e alla sua lotta di classe ma come dice Cristicchi “la vita non è dentro un libro di filosofia”;ed eccomi ancora una volta davanti all’immenso foglio bianco di Word che aspetta di essere riempito per poi venir pubblicato sulle pagine di Supereva…

 

…ma oggi è diverso,non devo scervellarmi per tirar fuori un articolo decente o quantomeno interessante,non devo pensare a quali possibili storylines Vince possa tirar fuori dal cilindro,no..niente di tutto questo..oggi mi sembrava doveroso dedicarlo a Eduardo Gory Llanes Guerrero.

 

Lo ammetto,non ho sempre parlato bene di Eddie,non come persona(non oserei)ma come wrestler lanciato verso il titolo massimo,non era roba per lui e vederlo sollevare Batista mi faceva davvero mettere le mani nei capelli per l’inverosomiglianza  del gesto,ho detto che il tuo regno da campione WWE è stato un flop ma non me ne vergogno,non posso farci niente….

 

…tuttavia la mia stima e la mia ammirazione per te erano incrollabili Eddie,le tue furbate sul ring,il tuo sorrisetto da furbetto quando gli arbitri non si accorgevano(o non volevano accorgersi)dei tuoi trucchetti per vincere,quando lanciavi la sedia all’avversario e poi ti gettavi a terra facendo credere di essere stato colpito,quanto agitavi il petto urlando come uno scannato prima di chiudere i match,quando entravi col tuo lowrider dai colori più sgargianti e disparati mai immaginati,quando lo slogan “viva la raza”attraversava l’arena per il boato del pubblico,sono tutte cose che ci mancheranno tantissimo Eddie;e lo sai perché?

 

….perchè eri il wrestler più umanamente vicino al pubblico,quello che con il pubblico ha sempre avuto un contatto diretto,un feeling che si instaurava in maniera naturale,forse perché tra tutti i wrestlers che calcano i ring WWE eri quello che ci rappresentava di più,non la freddezza di Undertaker,non l’arroganza di Triple H,non l’egoismo di Shawn Michaels e Kurt Angle,né tantomeno la pseudo-invincibilià di Cena,ma tu Eddie,con i tuoi demoni personali da combattere,con i tuoi alti e bassi,con le tue furbate a fin di bene,eri tu Eddie il vero “people’s champion” non solo degli ispano-americani del quale andavi tanto fiero di appartenere,ma di tutti i tuoi fans sparsi in giro per il mondo,tutti noi eravamo la tua “raza”…

 

…ironia della sorte sei morto poco prima della tua riscossa Eddie,con un Batista infortunato e un Randy Orton ancora invischiato nella faida con Undertaker saresti stato tu il portacolori di Smackdown,saresti salito per la seconda volta sul tetto del mondo,e questa volta da vero leader,per la gioia dei tuoi fans,e ora invece quel lowrider vuoto pesa come un macigno nei nostri cuori,perché non rivedremo più quel caro volpone messicano che si agita come una trottola per il ring facendoci entusiasmare ogni sabato sera.

 

Addio Eddie
Giacomo Mooregasm Zambon  

Le categorie della guida

Link correlati