Questo sito contribuisce alla audience di

I 10 match del 2005

Emanuele D'Aniello continua la sua rivisitazione di un anno di Wrestling ed oggi ci propone un ranking molto interessante: i 10 match che secondo la sua opinione hanno maggiormente illuminato il 2005

Cari amici di Supereva, voglio stare particolarmente attento a non dare spoiler, perché con gli ultimi sconvolgenti avvenimenti accaduti in WWE è meglio goderseli senza anticipazione. Quindi, di questi avvenimenti si parlerà in seguito, ora diamo un’ultimissima occhiata al 2005, con i migliori 10 match dell’anno appena trascorso secondo il Bottom Line!

 

10 - Money in the Bank ladder match @ Wrestlemania 21

Arriviamo al Grandaddy of them All, l’edizione di Wrestlemania del 2005. nelle settimane precedenti il ppv Chris Jericho sfida altri 5 uomini ad un 6 Way ladder match, che Bischoff ratifica e trasforma per un incontro valido per una title shot, da sfruttare a discrezione del vincitore entro Wrestlemania 22. L’l match in questione vede impegnati Kane, Edge, Jericho, Christian, Benoit e Benjamin. L’incontro in questione è un piacere per gli occhi, uno pot-fest fantastico come da tempo non se ne vedevano in WWE, con spot spettacolari a raffica. Protagonisti assoluti benoit, per la tenacia dimostrata e Benjamin, per la spettacolarità e per l’incredibile qualità di mosse mostrate durante il match. Vincitore Edge però, che ancora oggi tiene stretta la valigetta vinta tra le mani……

 

9 – Williams vs Sabin vs Aj Styles @ Final Resolution 2005 (Ultimate X match)

Primo ppv del 2005 della TNA, l’anno che fa diventare la federazione dei Jarret a tutti gli effetti una major. E si parte con un match caratteristico della TNA, l’Ultimate X match con partecipanti autentici fenomeni della X Division. L’incontro è stato combattuto in maniera eccelsa, tutti e tre hanno dimostrato grandissime cose aiutati anche della spettacolarità del match, e AJ Styles è stato il mattatore dell’incontro, e alla fine ha portato a casa vittoria, titolo e palma di fenomeno indiscusso

 

8 – Edge vs Matt Hardy @ Unforgiven 2005 (Steel Cage match)

Matt e Edge hanno caratterizzato l’estate del 2005 in WWE per il loro feud che di preparato aveva ben poco, in uno degli episodi più controversi della storia. Lita tradisce matt per Edge nella vita reale, poco dopo Matt è licenziato dalla WWE, la TNA è sul punto di acquistarlo mentre tutte le arene di America inneggiano al suo nome. Con una mossa assolutamente a sorpresa la WWE si riprendere Matt che apre un feud molto personale contro Edge, culminato in questo incontro nella gabbia, una rissa estremamente coinvolgente con una delle fasi finale meglio realizzate degli ultimi anni. Spot finale da vedere e rivedere, e una vittoria per Matt tra il visibilio globale. Peccato che da allora Matt sia sprofondato nel mid-carding…….

 

7 – Awesome vs Tanaka @ ECW One Night Stand

Alla vigilia ci si aspettava poco da questo incontro, con un Tanaka chiamato all’ultimo momento e un Awesome annunciato fuori forma e che non lottava da tempo. E invece, abbiamo assistito ad uno dei match più folli e spettacolari dell’anno, la classica sfida impossibile che i due ci avevano regalato in ECW nel loro feud a cavallo tra il 99 e il 2000. Tanaka ha mostrato una resistenza e una capacità di assorbire i colpi che non ricordavamo, e Awesome ha fatto vedere perché fino a pochi anni prima era definito il lottatore più completo di sempre. Un match mozzafiato con un spot da brividi, assolutamente indimenticabile

 

6 - Sabu vs Funk vs Douglas @ Hardcore Homecoming (No Ropes Barbed Wire match)

Uno dei match più violenti che abbia mai visto. Ma non violenza gratuita, ma vero spirito e dedizione, amore per la gente e attaccamento alla ECW. Questa la vera eredità e lezione lasciata dalla ECW. Questo si è vissuto nel main event di Hardcore Homecoming, evento organizzato da Shane Douglas il 10 giugno per ricordare la ECW, non partecipando invece alla reunion organizzata dalla WWE. I tre hanno dato ad uno dei match più brutali e drammatici mai visti, con momenti folli e drammatici come i capelli di Sabu e il costume impigliato nel filo spianto, o il braccio di Funk incastrato tra il filo spinato e ci sono volute le pinze per liberarlo. Aggiungiamo un pubblico fantastico e l’intervento a sorpresa di Mick Foley, abbiamo un quadro completo di un capolavoro in cui uno come Terry Funk a 60 anni suonati si è messo in gioco rischiando molto, e rifiutando i molti soldi offerti dalla WWE per One Night Stand. Per la cronaca ha vinto Sabu, ma in realtà ha vinto il ricordo della Extreme Championship Wrestling

 

5 – Triple H vs Flair @ Survivor Series 2005 (Last Man Standing match)

Dopo 3 anni di inossidabile collaborazione, il 3 ottobre a Raw Homecoming HHH colpisce e massacre Ric Flair. I due danno vita ad un feud violentissimo concretizzato nel match a taboo Tuesday vinto da Flair. Ma non è finita, ed i due si affrontano a Survivor Series in uno degli incontri più violenti dell’anno considerando anche l’età di Ric Flair. L’incontro è stato lungo e ciò ha permesso di svilupparsi per bene, ha avuto tanta psicologia che ha saputo costruire una storia nel match, non c’è stato nessun momento morto nonostante la tipologia del match grazie ai pochi conteggi di 10, e abbiamo avuto un finale drammatico e perfetto, perfetto nella sua drammaticità

 

4 – Samoa Joe vs Kenta Kobashi @ ROH invades New York

È il 1 ottobre, la Ring of Honor, terza federazione Americana per importanza (ma personalmente quella che offre il miglior wrestling attualmente) è di scena a New York, e per questo show fa le cose in grande: richiama la stella Samoa Joe e chiama dal Giappone Kenta Kobashi, una autentica leggenda e fenomeno del ring. I due mettono in scena a dir poco fenomenale, un vero capolavoro del ring per credibilità e psicologia. Nessun volo o spot spettacolare, solo tanto e sano wrestling, stiff allo stato puro, con un Kobashi in stato di grazia e autore di un minuto intero di chop consecutive su Samoa Joe per il visibilio dell’arena. Dopo 30 minuti di battaglia Kobashi dopo un braccio teso di rara potenza vince un match che ogni appassionato secondo me dovrebbe vedere

 

3 – Angle vs Michaels @ Wrestlemania 21

Miglior match dell’anno in WWE, è il Dream match dell’anno a Wrestlemania, lo show stealer della serata. Dopo un bel feud iniziato alla Royal Rumble e vissuto soprattutto sfruttando l’hype dei momenti del passato con molti effetti nostalgia. La sfida interpromozionale va in scena in quel di Los Angeles. Angle e Michaels lo sappiamo tutti sono due autentici fenomeni del ring ed era impossibile fallissero uno contro l’altro, ma proprio perché campioni era lecito aspettarsi qualcosina di più. L’incontro psicologicamente è stato impeccabile, però la prima parte anche se giustificabile è stata un po deludente e troppo lunga e statica, mentre qualche fase lenta durante lo svolgimento del match non ha giovato. Il finale però è stato un susseguirsi di azione mozzafiato molto all’altezza, e il feud ancora aspetta di vedere un vincitore a 10 mesi di distanza da quella notte….

 

2 – AJ Styles vs Samoa Joe @ Turning Point 2005

L’ultimo ppv dell’anno per la TNA è quello del botto, e questi due maestri mettono in scena una sfida epica. Senza mezzi termini è stato un incontro stratosferico, Joe ha fatto vedere di che pasto è fatto, AJ ha lottato uno dei suoi migliori incontri in carriera, passando dal brawl alla tecnica pura, ma soprattutto autore di alcune mosse di potenza su Joe assurde (da vedere la Powerbomb di AJ su Joe, incredibile). Unica pecca la durata: è si un match da mettere negli annali, ma 5 minuti in più lo avrebbero reso, forse, uno dei 10 migliori incontro non solo dell’anno ma di sempre.

 

1 – Aj Styles vs Daniels vs Samoa Joe @ Unbreakable 2005

I 3 mattatori dell’anno in TNA arrivano a questa sfida dopo un lungo feud, e danno vita al capolavoro del 2005, dove si è visto di tutto: high spot, sottomissioni, voli aerei, carisma, pubblico partecipe, atleti tra i più bravi e in forma del momento, ritmo suicida. Non si poteva chiedere di meglio, basta solo vedere. Unica pecca (e se c’è una pecca in questo incontro è davvero strano) lo spot finale, affrettato e non all’altezza di un match simile, ma ciò non gli toglie comunque la mia personale palma di incontro dell’anno

 

E per oggi è tutto, nella speranza che condividiate almeno in parte questa graduatoria, ci diamo appuntamento per la prossima settimana col Bottom Line!!!

 

AND THAT’S THE BOTTOM LINE ‘CAUSE WRESTLEMANIA X-SEVEN SAID SO!!!!!!

 

Le categorie della guida

Link correlati