Questo sito contribuisce alla audience di

Una notte di Wrestling per Over The Edge

Il lungo ma divertente draft di Raw di 3 ore e la morte di Vince McMahon (chi è il colpevole?), smackdown con l’esordio di Ric Flair e la faida tra Edge e Batista che continua (vincerà Dave stavolta?), impact con i Basham, Angle e Christian. Questo e molto altro nel nuovo Over The Edge!

Scorpacciata. È periodo di scorpacciate per Dinamite Nick! Ciliegie mare e wrestling. Ho visto di seguito tutto quello che la programmazione digitale e terrestre proponeva sul nostro sport spettacolo preferito. Il lungo ma divertente draft di Raw di 3 ore e la morte di Vince McMahon (chi è il colpevole?), smackdown con l’esordio di Ric Flair e la faida tra Edge e Batista che continua (vincerà Dave stavolta?), impact con i Basham, Angle e Christian. Perché gli amici non si abbandonano mai, nemmeno se vogliono lottare su ring con due lati in più. Penso che avrò modo di parlare di tutto questo nei prossimi numeri.

È passato il giorno, e la serata in piedi. Il giorno del giudizio è passato. La serata in piedi è trascorsa pure. Gli ultimi due ppv sono passati indenni, per fan mark e smart. Non solo Edge e Cena hanno mantenuto i titoli ma mantengono anche le loro rivalità. Idem con patate per Lashley che è tornato (quasi) in possesso delle cintura ECW, poi l’ha ripresa per infine lasciarla del tutto vacante. Per ONS abbiamo avuto tre rematch per il titolo presentati in salsa diversa. Il mio peggior timore era che ONS non avesse potuto avere il sapore epico delle due edizioni precedenti, con la federazione estrema oramai boccheggiante. One night stand: c’era poco da stare tutta la serata in piedi. A parte le mie pessime battutacce ed i miei orribili giochi di parole, i ppv interbrand sembra abbiano portato una ventata di novità. Dopo aver trasformato ONS in un PPV estremo adesso avremo Vengeance presentato come la notte dei campioni, con (quasi?) tutte le cinture WWE-ECW in palio. Anche di questo vorrei parlarne in un’altra edizione di OTE, per soffermarmi di più, perché oggi voglio provare a sperimentare la mia nuova invenzione, la dinamite macchina del tempo e viaggiare tra i miei appunti dinamitici (dinappunti per l’appunto, che il mio correttore di word giustamente corregge come disappunti) dell’ultimo mese.

(dai dinappunti della settimana scorsa: )

Arrivederci Rob, provaci ancora Randy. Quello contro Orton, bel feud tra l’altro, sarà uno degli ultimi match nella WWE, o meglio nella Ecw, di RVD. Contro Orton aveva già feudato qualche anno fa, in quel di Raw, e Randy era diventato campione intercontinentale. Sarà il destino, ma forse proprio da qui ripartirà l’ennesima rinascita dell’ex campione Heavyweight. Per quanto riguarda Rob, dopo aver ricevuto un feud chiuso con una vittoria, ma condotto con l’umiliazione del trauma cranico - quasi che non ci fossero idee migliori per raccontare una storia - quasi sicuramente lo vedremo in TNA, dove lo aspettano a braccia aperte. Sulla tv digitale italiana è possibile vedere gli show della TNA, con un piccolo ritardo rispetto alla messa in onda americana, su GXT che in questi anni , secondo il mio parere, sta conducendo un ottimo ed appassionato lavoro.

(dai dinappunti di due settimane fa: )

Chi sbaglia, chi gode. C’è chi inciampando durante uno dei suoi voli riesce a far cadere una scala, chi con la manona chopposa non riesce ad impensierire super-Cena, chi vince una battaglia, ma la sera dopo perde i titoli (pur ridando lustro alla categoria di coppia), chi invece esce indenne dalla gabbia. Belle ragazze si rotolano nel fango ed una bearhug fa addormentare fan e spettatori di tutto il mondo. Ne son successe di cose a ONS, e per questo si riconferma l’appuntamento di inizio estate per eccellenza. Sperando che possa ripetersi anche nei prossimi anni , non ci resta che augurarci un ottimo Summerslam. Sperando in Foley, HHH ma soprattutto Jericho…

(ritorno al pianeta terra, tempo presente)

Voglia di stable. Mi piacerebbe vedere una stable a Raw con Regal e HHH a far da pigmalioni a due (semi)nuove leve. Penso a Carlito e CM Punk per primi, ma chiunque andrebbe bene. Bisogna creare nuovi main eventer, nuovi Orton e nuovi Dave Batista. Vorrei vedere una stable con Edge a capo, e tre o anche più, nuove leve di smackdown alle sue losche dipendenze. Una stable con Flair e Batista a tentare di ripetere le gesta dell’indimenticabile Evolution. Benoit campione ECW! Nel frattempo auguro ad Edge un lungo reign (anche 2 anni andrebbe bene) da campione heel: se l’è largamente meritato!

Buona estate e primi bagni a tutti!

Le categorie della guida

Link correlati