Questo sito contribuisce alla audience di

TNA Impact Videogame: Intervista con Paolo Lanati

Da stamattina, venerdi 12 settembre, è in tutti i negozi italiani il videogame dedicato a TNA Impact. Per l'occasione abbiamo avuto il piacere di intervistare Paolo Lanati, commentatore della TNA per Eurosport e per l'occasione anche del videogame di Impact!

 
Ciao Paolo, vuoi parlarci della tua esperienza da doppiatore del videogame di TNA Impact?
Ciao Fabrizio, ti ringrazio molto dello spazio che mi concedi. E’ la seconda volta che sono tuo ospite e spero che non sia l’ultima ! Passo alla tua domanda. L’esperienza è stata splendida sia dal lato umano che da quello professionale. Sono stato contattato a gennaio dalla sig.ra Paoletti, la quale è stata splendida nel mettermi a mio agio con il suo fantastico ed affiatato staff. Inizio col dire che ho avuto l’onore di essere stato scelto per questo compito dal pubblico e questa è la mia vittoria più grande. E’ stato fatto un sondaggio da una società di marketing nel quale sono risultato terzo classificato come miglior commentatore italiano di wrestling. Per la cronaca ha vinto Dan Peterson, secondo Benzi e terzo io a pochi punti di distanza da Stefanone. Per differenti motivi la scelta poi è caduta su di me e su un altro collega, visto che nel videogioco erano da doppiare sia Tenay che West. Io ho scelto “The Professor” Mike Tenay ed anche il mio collega è stato d’accordo nel sentirsi più vicino a Don West. A fine febbraio a Roma abbiamo completato il lavoro di doppiaggio. Un lavoro che è durato circa 10-12 ore, ed alla fine ho ricevuto numerosi complimenti. Questo mi ha fatto molto piacere, perché il team della signora Paoletti ha lavorato con attori e doppiatori, quindi un livello molto superiore al mio per questo tipo di attività.

E’ stata la tua prima volta per un videogioco? Quali sono state le differenze maggiori e le similitudini con il commento televisivo?
E’ stata la mia prima volta. Non ti nascondo di essermi trovato in difficoltà all’inizio. Mi vien da ridere al pensare a quando, pronti via, ho detto la mia prima frase doppiata in tono un po’ soporifero, come direbbe qualcuno. L’ho riascoltata e senza che nemmeno me lo dicessero ho detto alla romana “A rifamo”. Chiaramente commentare in diretta come faccio ad Eurosport è tutta un’altra cosa. Lì l’errore è sempre dietro l’angolo, quindi curo meno il tono della voce ed a volte posso sembrare soporifero, è un mio difetto e lo riconosco. Leggere una frase di 5-6 parole ed avere tutto il tempo per concentrarsi e dirla nel tono giusto da un vantaggio enorme. Una cosa negativa è senza dubbio avere un copione da rispettare, in TV hai carta bianca (vabbè fino ad un certo punto.), mentre in cabina di doppiaggio non hai molti margini. Visto che qualcuno si è già lamentato per alcune frasi che si sentono nel videogioco, sottolineo che abbiamo contribuito a modificare molte frasi tradotte da gente che il wrestling non lo conosceva, purtroppo non si poteva intervenire in modo drastico per svariati motivi. Di similitudini tutto sommato non ne ho trovate, tranne il fatto che l’argomento comune è il wrestling, sono due lavori completamente diversi.

Cosa pensi del videogame TNA Impact? Che impressione ti ha fatto?
Sicuramente una buona impressione. Ormai i giochi per le console di nuova generazione raggiungono livelli di realismo elevatissimi. Alcuni considerano il roster un po’ limitato, secondo me i grossi nomi ci sono tutti e le modalità di gioco sono svariate fornendo al gioco un buon livello di longevità. Ci sono un po’ di cose bloccate come in tutti i videogiochi con modalità story. E’ una cosa che magari può far incazzare, anch’io quando gioco vorrei avere subito tutto a disposizione, però è giusto per la longevità del gioco stesso porre degli obiettivi ‘a premi’. e poi per chi non è molto bravo saltano sempre fuori i codici di sblocco, così da avere tutti i wrestler, tutte le arene, ecc.

Domanda ovvia: un paragone con i videogiochi della WWE?
Caspita questa è una domanda un po’ imbarazzante. Per mia convinzione ho sempre snobbato la WWE accusandola di fatto di aver snaturato il modo d’intendere il wrestling. Inoltre per motivi di campanilismo sembra quasi ovvio che debba lodare la TNA, mandando KO gli avversari. Secondo me i programmatori di Impact hanno fatto un ottimo lavoro e poi teniamo presente che è una specie di rodaggio per loro. I giochi made in WWE non li conosco moltissimo, ci ho giocato poche volte. Sarò un po’ troppo diplomatico, però seguite il mio ragionamento. Vi ricordate il vecchio WWF Wrestlefest della sala giochi ? Questo per me e molti della mia generazione era già grandioso seppur con tutti i suoi limiti di mosse, wrestler, grafica ed altro. Da quegli anni ne è passato di tempo, quindi è chiaro che soprattutto per la WWE che ogni anno produce più di un nuovo videogame il livello raggiunto rasenta la perfezione. Sarà curioso vedere come la gente giudicherà TNA Impact, dai primi responsi non mi pare inferiore. Inoltre, scusate se lo sottolineo, la TNA è stata l’unica a prendersi il rischio d’inserire il multilanguage nel suo gioco- E’ a tutti gli effetti un esperimento e non si sapeva i fan come l’avrebbero presa.

Parliamo della TNA fatta da lottatori in carne ed ossa e non di pixel. Qual’è lo stato attuale della federazione secondo te?
Beh, hanno preso Mick Foley, penso sia una grande operazione di rilancio. Hanno intensificato la presenza di divas, che forse era una cosa che mancava. Poi dipende cosa s’intende per stato attuale della federazione, ci sono varie componenti per misurarlo: i ratings, la solidità economica, la vendita dei PPV. Io personalmente ho sempre tralasciato queste seppur importanti informazioni e mi sono sempre basato su quello che vedevo sul ring. A mio parere oggi è un prodotto più che discreto, che fa risaltare maggiormente rispetto alla WWE le doti dei wrestler. E questo penso non sia poco.

Chi consideri al momento attuale il numero 1 della Federazione di Nashville?
Forse sarò ovvio, ma penso che Samoa Joe abbia fatto enormi passi in avanti e meriti il titolo di campione della federazione. Dal punto di vista tecnico è molto abile ha un campionario di prese di sottomissione invidiabile per un wrestler che milita nelle federazioni statunitensi. Fisicamente non è bello da vedere, infatti da questo punto di vista è stato spesso bersaglio di critiche e prese in giro, però è veloce e potente ed il suo stile si adatta alla perfezione ad una federazione come la TNA.

Che ne pensi del recentissimo arrivo di Mick Foley?
Foley si è già ritirato un po’ di volte, ma si sa che nel wrestling è il nome che può smuovere gli equilibri. Quando nomini Hogan, The Rock, Stone Cold le arene si riempiono. Ho i miei dubbi che Foley possa avere un impatto come i tre sopraccitati, di sicuro è un’addizione molto valida in un roster già prestigioso. La storia ci insegna che chi si oppone alla WWE alla lunga viene fagocitato, ho comunque piacere del fatto che la TNA continui a resistere, malgrado il potenziale economico sia molto diverso. Tornando a Foley dovessi parlarne per quello che fa sul quadrato, direi che è un pazzo scatenato, gli ho visto fare delle cose incredibilmente pericolose solo per regalare un po’ di spettacolo al suo pubblico, questo di sicuro piacerà ai fan TNA.

Chi può essere il “rookie” che in un futuro prossimo si potrà imporre nei piani alti della federazione?
Per il wrestling è sempre difficile parlare di rookie, perché questi atleti di solito hanno molti anni alle spalle in federazioni minori. Diciamo che a livello di big man ce ne sono due che potrebbero sfondare. Sto parlando di Matt Morgan ed Hernandez. In particolar modo Matt Morgan con il quale mi feci una foto in uno show NWE a Desio, ha un fisico fatto per il wrestling ed un’agilità elevata per un atleta di quella taglia. Quando l’ho visto dal vivo mi sono subito sorpreso di come non abbia ancora sfondato. E’ strano che mi ponga la medesima domanda oggi dopo 2-3 anni da quell’incontro. Chissà magari avrà problemi nei rapporti con la dirigenza della federazione. Io ad un big man così proverei a dargli il titolo.

Quali sono i piani attuali e futuri del connubio TNA – Eurosport?
Ad oggi siamo in una situazione di stand-by. Purtroppo Eurosport ci ha abituato alle sorprese sia positive che negative. Ci sono state a volte lunghe pause, sospensioni di mesi. Ma anche graditi ritorni, come quando fummo i primi a trasmettere i PPV oppure quando riuscimmo a trasmettere per un anno intero tre volte la settimana la New Japan. Io sono curioso di vedere che succede.

Vuoi infine salutare tutti i nostri lettori e dargli appuntamento sulle “frequenze” del Videogame di TNA Impact?
Mi raccomando divertitevi e se perdete non date la colpa al commentatore !

Le categorie della guida