Questo sito contribuisce alla audience di

Wrestlemania Time con Alberto Ferrero

A pochi giorni di distanza dal consueto appuntamento con il re dei ppv di Wrestling, analisi di tutti i match che lo comporranno in compagnia del nostro Alberto "The Crow" Ferrero

Wrestlemania 25

WWE Championship
Triple H vs. Randy Orton

“The Game” a tu per tu con un pezzo del suo passato, quel Randy Orton che lui stesso, fino a qualche anno fa, pose sotto la sua ala protettrice in seno all’Evolution e che ora gli si rivolta contro come un tornado coinvolgendo la sua stessa famiglia: il suocero (Vince McMahon), il cognato (Shane McMahon) e la moglie (Stephanie McMahon). Spalleggiato dalla Legacy, alias i figli d’arte Cody Rhodes e Ted DiBiase, sbandierando una IED più una copertura per le sue malefatte che un reale handicap mentale, il Legend Killer vuole tutto ed ha lasciato chiaramente intendere che non si fermerà di fronte a niente e a nessuno. Dal canto suo HHH, più che per la difesa del titolo, passato probabilmente nell’ambito di tale faida in secondo piano, va per qualcosa di più importante, l’onore della sua famiglia e l’amore per una moglie ritrovata d’incanto, frattanto nella storyline avevano divorziato circa sette anni fa, salvo poi sposarsi realmente nel 2003, far finta frattanto di nulla e rivelare recentemente al mondo intero di essere ormai sposati effettivamente già da diverso tempo, prendendoci quindi tutti per stupidi. In ogni caso, comunque siano andate le cose, toccherà al maritino premuroso HHH fermare il ciclone Orton che ha inevitabilmente travolto lui e la sua famiglia.

World Heavyweight Championship
Triple Threat Match
John Cena vs. Edge vs. Big Show

Due uomini, Edge e Big Show, una gentil pulzella, Vickie Guerrero (nessuno svenga, per favore!), un triangolo degno della caotica situazione creatasi, in chiave romanzesca, tra Re Artù, Ginevra e Lancillotto, ed un terzo incomodo, John Cena, ovviamente inorridito da tutto questo ed a cui nulla frega, se non di riprendersi quel titolo che Edge ingiustamente gli ha portato via a No Way Out. Ma intanto, col rapper di Boston prossimo assente per imminenti impegni cinematografici, e la Rated R Superstar in procinto di prendersi una pausa per motivi fisici, è come se ci avessero svelato anzitempo il vincitore.

Winning Streak On the Line
Undertaker vs. Shawn Michaels

Mr. Wrestlemania vs. The King of Wrestlemania. Le tenebre e la luce a confronto. Il dominatore assoluto del ppv dei ppv, con un ineguagliabile record di 16 vittorie su 16 partecipazioni, contro il protagonista dei più spettacolari ed avvincenti matches nell’arco dello stesso “Showcase of Immortals”. Un confronto atteso per circa 10 anni. Una sfida tra due icone, che decreterà soprattutto chi tra i due abbia il diritto di definirsi a tutti gli effetti il re incontrastato di questo show. E probabilmente dell’intera WWE.

Extreme Rules Match
Jeff Hardy vs. Matt Hardy

L’invidia, la gelosia, l’ambizione, l’egocentrismo, l’eccessiva sicurezza di sé, tutto ciò ha distrutto la psiche del povero Matt, trasformandolo da fratellino affettuoso a quell’insospettabile bastardo psicopatico che ha di fatto distrutto la vita e la carriera di Jeff. Circa 15 anni dopo la battaglia tra Bret ed Owen Hart, un nuovo scontro fratricida infiamma Wrestlemania.

8 Men Money In The Bank Ladder Match
CM Punk vs. Kane vs. Mark Henry vs. MVP vs. Shelton Benjamin vs. Finlay vs. Kofi Kingston vs. Christian

8 uomini ed un sogno, la valigetta del “Money in the Bank” ed una title shot per qualsivoglia show si desideri (che sia Raw, Smackdown o la ECW, di cui però nessuno se ne frega granchè). Sarà, ma personalmente tra questi non vedo un potenziale campione: CM Punk, vincitore della scorsa edizione e che quindi il suo giro in giostra se l’è già preso, senza contare che il suo regno non è che sia stato così entusiasmante; Kane, che, con tutto il rispetto, da ECW Champion non ha fatto paura a nessuno, né tanto meno è stato credibile nelle 24 ore in cui si è fregiato, diversi anni fa, del titolo di Campione Assoluto WWE; Mark Henry, recentemente anch’egli ECW Champion, ma sul cui title reign pure ci sarebbe da discutere, oltre ad essere un corpo estraneo alla contesa, giacchè non è affatto idoneo fisicamente a salire una scala; MVP, neo WWE US Champion, ma che fino a pochi mesi fa jobbava a destra e a manca; Shelton Benjamin, un acrobata di cui qualcuno si ricorda appunto solo a Wrestlamania; papà Finlay, il vecchio Finlay, di nome e di fatto; il “debuttante” Kofi Kingston, che, se qualcuno non se n’è accorto, è stato anche WWE IC Champion, seppur dovendo ringraziare San HBK; il “Creepy Little Bastard” Christian, il figliuol prodigo tornato sulla retta via, la pecorella smarrita rientrata inaspettatamente all’ovile. Cert’è che il vincitore, a valigetta presa, più che il titolo, dovrà guadagnarsi un bel po’ di credibilità.

WWE IC Championship
Rey Mysterio vs. JBL

Un modo come un altro per non tenere entrambi fuori da Wrestlemania. JBL, causa acciacchi vari, è ormai sul viale del tramonto, giusto dargli il titolo di Campione Intercontinentale, l’unico mai vinto in tanti anni di onorata (e raccomandata) carriera alla corte di Vinnie Mac, laddove non è che, per sua scelta, gli resti più davanti tanto tempo, e lasciargli soprattutto la soddisfazione di difenderlo nel suo Texas; di fronte a lui un Rey Mysterio che quel titolo invece non lo ha mai vinto e che di certo a Wrestlemania non viene a fare lo sparring partner. Tre anni dopo la magica notte in cui alzò al cielo la cintura di Campione del Mondo in memoria dell’amico Eddie Guerrero, Mr. 619 tenta un nuovo, insperato trionfo.

Elimination Handicap Match
Chris Jericho vs. Rowdy Roddy Piper & “Superfly” Jimmy Snuka & Ricky “The Dragon” Steamboat (with Ric Flair)

Salviamo Chris Jericho e la sua eccelsa fama di veterano del mestiere dalla definitiva distruzione della sua credibilità di uomo e di wrestler, contrapposto a tre cariatidi, vecchie glorie del passato, ma che ormai nulla più (fisicamente parlando, s’intende) c’entrano col wrestling business di oggi e che sarà già tanto se riusciranno a stare ancora in piedi alla fine del match: il “panzone” Hot Rod”, il “legnoso” Snuka e “l’arrugginito” Steamboat. Si rivede Ric Flair, nelle vesti però di semplice accompagnatore (ma non si era ritirato l’anno scorso?), più, per giunta, la presenza a bordo ring di Randy “The Ram” Robinson, alias la star di “The Wrestler”, nonchè quasi premio Oscar, Mickey Rourke. Il tutto per orgoglio e dignità degli Hall of Famers.

25 Divas Battle Royal for Miss Wrestlemania
Geniale idea riunire divas di ieri ed oggi e rimescolare il tutto in un’intrigante ed interessante battle royal, per gli intenditori dal palato fino del presente e del passato, più prossimo che remoto. Mi chiedo se rivedremo mai le varie Chyna (ex di HHH ed è già quanto), Tori (quella che tradì Kane con X-Pac), Debra (ex ossessiva moglie di Steve Austin), Alundra Blayze (l’ex Madusa della WCW, quella che gettò nel cestino il WWE Woman’s Championship in diretta, con gran gioia di Vince), Stacy Keibler (l’ex fidanzata del compianto Test ed ex segretaria tutto pepe di Vinnie Mac), la terribile Bull Makano (una giapponessona che oggi farebbe sbiancare dal terrore persino Awesome Kong), la pazzoide Luna Vachon (ex manageressa di Bam Bam Bigelow ed attuale moglie di Gangrel), The Cat (moglie di Jerry Lawler) e tante altre che hanno arricchito pagine e pagine di storia ed intrattenimento. Sicure Trish Stratus, Lita, Victoria, Molly Holly, Torrie Wilson, oltre alle divas di oggi, tra cui, probabilmente, la rientrante Gail Kim. Per il resto solo ipotesi. Scordiamoci Wendy Ritcher (ha rifiutato) e le incinte Sable e Dawn Marie. Ma vi prego: toglietemi dai piedi Santino Marella! Di scempi infatti la categoria femminile (chi si ricorda di Harvey “Hervina” Whippleman?), ne ha già avuti troppi.

WWE Tag Team Championship/World Tag Team Championship
Lumberjack Match
Carlito & Primo vs. The Miz & John Morrison

Vista la penuria di tag teams in circolazione, che ormai scarseggiano peggio delle fragole in inverno, qualche booker ha pensato bene che due cinture fossero anche troppe, al che meglio riunirle e far prima, piuttosto che incentivare il settore come da anni non si vuole e non si riesce più a fare. I fratelli Colon, caraibici figli d’arte, e i “Be Jealous Guys” a contendersi lo scettro di dominatori assoluti della categoria nel bailamme di un Lumberjack match che, di per sé, funge anche da pretesto per coinvolgere quelli che a Wrestlemania (vedi The Great Khali, Vladimir Kozlov e tanti altri) purtroppo non combatteranno, pur comunque avendo, col match in questione, il loro spazio.

In ricordo di Andrew “Test” Martin
La sua scomparsa a soli 33 anni ha stupito in tanti tra fans, colleghi, amici e quanti gli abbiano davvero voluto bene; che la morte di Andrew “Test” Martin sia un monito per la definitiva abolizione degli steroidi dal wrestling e dal mondo dello sport in generale. E quelli come Mr. Kennedy che danno aria alla bocca reputandosi, ignorantemente, non d’accordo col sistema di prevenzione relativo al Wellness Program, a mio parere, vadano pure al diavolo. Evitiamo infatti altre morti assurde e che l’improvvisa scomparsa di Test non sia stata vana.

WELCOME TO WRESTLEMANIA
Alberto “The Crow” Ferrero

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • Profilo di Fabry T

    Fabry T

    03 Apr 2009 - 09:04 - #1
    0 punti
    Up Down

    buona card, non c’è che dire anche se manca quell’evento alla Rock vs Hogan tanto per dire che faccia un pò la differenza. Il mio augurio più grande è che Undertaker vinca contro HBK. Difficilmente digerirei la sconfitta del Becchino a WM…

Le categorie della guida