Questo sito contribuisce alla audience di

Il Caso Chavo e Bookers distratti

Alberto "The Crow" Ferrero ci parla del caso Chavo e di come non sia un fenomeno isolato...

Il Caso Chavo e Bookers distratti

Non che sia una pippa, non che lo si debba etichettare come lo scemo del villaggio, non che debba essere obbligatoriamente trattato da jobber di lusso, avendo lustri familiari alle sue spalle. Eppure tale è l’infame destino affibbiato al povero Chavo Guerrero, di cui ormai il nano Hornswoggle ed il mangia-spaghetti Santino Marella si fanno continuamente beffa. Non solo in tal modo si ridicolizza il nipote di Eddie, ma si mina anche terribilmente la sua credibilità come wrestler, dato che i bookers di Raw non hanno esitato nemmeno a farlo perdere contro macchiette quali Cedric The Entertainer o a strapazzare il suo personaggio in qualche altra penosa figura rimediata per l’occasione. D’altronde Chavito non è il solo né il primo; vedi infatti Daivari, anch’egli all’epoca più o meno bistrattato in tal modo, ma che oggi in TNA è riuscito a ricostruirsi un nome ed una carriera nei panni di Sheik Abdul Bashir. A volte un cambiamento è doveroso, necessario al fine di rinverdire la propria carriera. In TNA o nella messicana AAA, Chavo tornerebbe ai fasti di una volta e lì non vi sarebbero leprechaun od americani “italianizzati” che tengano…

Bookers distratti
Molte volte parecchi bookers commettono l’imperdonabile errore di non saper (o voler) gestire decentemente i vari wrestlers a propria disposizione. Basta solo guardarsi intorno per capire; le cinture di coppia sono state unificate per scarsezza in giro di tag teams adatti a risollevare la categoria, splittati o licenziati in pratica quelli che, nonostante tutto, avevano saputo fare la differenza (Hardy Boyz, John Morrison & The Miz, MNM, Deuce ‘N Domino, The Highlanders, Spirit Squad, Charlie Haas & Shelton Benjamin, Lance Cade & Trevor Murdoch, Brian Kendrick & Paul London, Curt Hawkins & Zach Ryder, Jesse & Festus, Carlito & Primo Colon tanto per fare qualche nome), né tuttavia vengono incentivati quei pochi ancora in roster; nell’imbastire feuds di grosso calibro, qualcuno si è completamente dimenticato di vari midcarders ai quali attualmente non si sa cosa diavolo far fare.

The Miz, US Champion in carica, non ha avversari; Finlay lo si vede più a WWE Superstars che a Smackdown; Goldust è stato riassunto soltanto per fare un favore a papà Dusty; Tommy Dreamer, esaurito il suo stint da ECW Champion, si appresta ad abbandonare la scena; Evan Bourne, R-Truth, Jack Swagger e Chris Masters, nonostante il loro potenziale, non vengono impiegati a dovere; Vladimir Kozlov ed Ezequiel Jackson fanno i lacchè di William Regal alla ECW; Matt Hardy paga lo scotto di essere fratello dell’irresponsabile ed inaffidabile Jeff, un uomo che ha preferito la droga al wrestling all’apice della sua carriera; Kane continua ancora a vivere all’ombra del “fratello” Taker; CM Punk inizia a prendersela con gli arbitri e a sfidarli persino sul ring; John Morrison e Dolph Ziggler continuano a darsele per accaparrarsi il titolo intercontinentale, perché altrimenti non si saprebbe come utilizzarli; Primo è ormai un jobber a tutti gli effetti e non è che Carlito, fratello caino, viva una situazione migliore, avendo infatti i bookers tabula rasa su come poterlo (e se poterlo) impiegare.

Chavo Guerrero non è quindi che la punta dell’iceberg: c’è infatti chi gli fa buona compagnia!

This is it!
Alberto “The Crow” Ferrero

Le categorie della guida