Questo sito contribuisce alla audience di

LE PURIFICAZIONI-5- BASTI

"Basti provvede al riequilibrio del Dosha e a promuovere la scomparsa di tutti i malesseri". Qualunque recipiente deve essere svuotato del contenuto perchè possa ricevere qualcosa.

L’uomo civilizzato moderno, dovrebbe prestare grande attenzione alle tecniche di purificazione. Basti rappresente un’altra importantissima tecnica per pulire il corpo internamente. Se siete giunti fino a questa tecnica, che ho volutamente lasciato per ultima tra quelle descritte, avrete certamente inteso che l’approccio alle purificazioni deve avvenire in maniera molto profonda. Occorre allontanare le immagini che queste tecniche potrebbero suggerirci se siamo spinti più dalla curiosità che non dal desiderio di apprendere metodi millennari per la cura e la conoscenza di noi stessi.

E’ curioso che si parli e si scriva tanto dell’inquinamento ambientale, che è certo un problema gravissimo, ma si pensi assai meno a quello interno, quello autoprodotto dalle tossine circolanti nel corpo, che è altrettanto pericoloso. Gran parte delle malattie di cui ci ammaliamo sono causate dai veleni prodotti nell’intestino dai residui della digestione e dalle sostanze espulse da altri organi del corpo. In condizioni di salute normali (ma questo “normali” ormai è quasi una eccezione nel mondo civilizzato), quando la membrana della mucosa intestinale è intatta, i veleni vengono espulsi rapidamente.Non si attribuisce abbastanza importanza all’evaquazione. Mentre si pone grande enfasi sul come alimentarsi, ben poco viene detto sull’importanza di non accumulare rifiuti nell’intestino. E’ come se nella respirazione attribuissimo valore solo al momento inspiratorio a danno di quello espiratorio.

La descrizione tramandata dai testi classici di Basti, può sembrare alquanto pittoresca: è infatti prescritto di accovacciarsi in un torrente fino a coprire l’ombelico, di introdurre una cannuccia nell’ano affinchè l’acqua possa entrarvi, e di aiutarne l’ingresso con la contrazione degli sfinteri. Dobbiamo ricordare, però, che queste tecniche di pulizia venivano seguite da yogi che vivevano in luoghi privi delle comodità che noi conosciamo. Se al procedimento un po’ complicato di Basti sostituiamo l’uso di un normale apparecchio per enteroclisma, reperibile in farmacia ad un costo modestissimo, disporremo comunque di un rimedio formidabile per la disintossicazione del corpo.

E’ abbastanza comune che la materia fecale sosti nel canale intestinale più del dovuto, infiammando in maniera cronica la membrana mucosa, che così si altera e perde di funzionalità, permettendo ai batteri di proliferare oltre i limiti fisiologici.

(continua)