Questo sito contribuisce alla audience di

DIFFICOLTA' SESSUALI, UN AIUTO A RISOLVERLE

Il simbolo sacro della sessualità maschile, il serpente, è chiamato Kundalini dagli indiani. Viene raffigurato dormiente. Se esso si sveglia e non si eleva oltre il semplice desiderio animale, incarna il male, ma se si solleva all'altezza del cuore procura la conoscenza del Bene.

Il potenziale sessuale è una delle ricchezze della natura umana. Gli esseri che possiedono energia negativa, l’uomo impotente o la donna frigida che elevano fra se e gli altri una barriera insormontabile, possono trovare nello yoga uno sbocco verso la liberazione.

Alcuni esercizi purificano e rendono più bello l’impulso sessuale, che ritrova la sua forma naturale di energia positiva. Altri stimolano chi è troppo passivo, lo aiutano a uscire dalla propria inerzia e a trovare un atteggiamento più generoso, più attivo nei confronti del proprio compagno o della propria compagna.

Nessuno contesta più l’importanza dell’accordo sessuale, fisico, in una coppia. Quanti matrimoni falliti, divenuti semplici associazioni di due coniugi rassegnati; quante unioni rovinate da motivi più o meno validi…All’origine, nella maggior parte dei casi, c’è un fallimento dell’accordo sessuale.

Dare al problema della salute sessuale tutta la sua importanza, significa riconsiderare l’insieme della personalità. L’impotenza fisica è anche impotenza morale, quali che siano gli atteggiamenti autoritari di compenso che ci si sforza di prendere.

Se un individuo in tali condizioni riesce a ritrovare la libera disponibilità della propria energia sessuale (e lo yoga può aiutare in questo senso), scoprirà nuove dimensioni della sua personalità e diventerà ciò che era destinato ad essere.

La medicina ricorre agli ormoni per ristabilire le reazioni sessuali difettose. I risultati sono variabili, e nell’insieme, deludenti.

Lo yoga propone, invece, il solo modo di rigenerazione totale dell’essere. La pratica delle asanas si rivela fra letecniche più efficaci per superare le difficoltà di ordine sessuale. Qualunque problema vi si ponga, l’esercizio dello yoga vi aiuterà a risolverlo.

Lo yoga è anche una scuola di moderazione, che consente di utilizzare le nostre forze e i nostri impulsi istintivi in molteplici direzioni, secondo la complessità della nostra natura.

Il nostro capitale vitale si rinnova, nel corso della nostra vita, secondo un incessante processo di rigenerazione organica: le cedllule morte vengono eliminate e sostituite da cellule viventi. Allo stesso modo, le nostre energie vengono utilizzate e si disperdono quando sono mobilitate da uno sforzo, da un’emozione o dalla sofferenza, e forze nuove risorgono.E’ bene saper economizzare questo capitale, il cui recupero, col trascorrere degli anni si fa più lento e sempre più incompleto.

Gli yogi indiani insegnano che l’eiaculazione rappresenta un’immensa perdita di energie, che il saggio può imparare a indirizzare per utilizzarla su piani diversi.

Ciò che è stato chiamato l’amplesso rinviato, che si ha quando il partner maschile ritarda, con uno sforzo di volontà, l’eiaculazione, trova la sua giustificazione nelle sapienti tecniche dell’amore orientale, che giunge fino all’ottenimento dell’orgasmo senza eiaculazione. Si tratta dunque non solo di uno sforzo negativo, magari con volontà contraccettiva, ma di una disposizione volontaria che permette di aumentare, a beneficio della personalità nel suo complesso, la formidabile mobilitazione di energia liberata dall’unione carnale.