LA SINDROME DEL TUNNEL CARPALE: PREVENIRLA E CURARLA CON LO YOGA

Una delle più diffuse malattie di questi tempi è la sindrome del tunnel carpale, che colpisce chi utilizza molto le dita, e dunque sono particolarmente esposti tutti coloro che scrivono molto con la tastiera del P.C. Ecco come lo Yoga può prevenire e curare questa sindrome. ùTraduzione di un articolo di ANGELA PIRISI da "THE YOGA JOURNAL"

Se soffrite della Sindrome del Tunnel Carpale (STC), l’idea di sottomettere il vostro polso a esercizi di Yoga può sembrare fuori questione. Ma, daccordo con numerosi insegnanti di Iyengar Yoga, possiamo dire che la pratica è in grado di offrire il rimedio giusto di cui abbiamo bisogno.

Uno studio condotto da Marianne Garfinkel, insegnante alla facoltà di lettere della Hahnemann University di Philadelphia, e esperta praticante di Yoga, ha dato credito all’idea che alcune asana possono facilitare il rinvigorire del polso.

Pubblicato nel 1998 sul “giornale dell’Associazione Medica Americana”, lo studio in questione, ha comparato 42 persone affette da STC, alle quali è stato fatto praticare un “regime base” Yoga, comprendente 11 posture per il rafforzamento, lo stiramento e il bilanciamento delle giunture degli arti superiori, alternate a sedute di rilassamento due volte a settimana per due mesi. Ad un altro gruppo esaminato,non è stato fatto praticare lo Yoga. Risultato: il gruppo dello Yoga ha mostrato un netto miglioramento della stretta della mano, e una riduzione del dolore.

Judith Lasater, fisioterapista e istruttrice per oltre 30 anni di Iyenga Yoga a San Francisco, non si dice sorpresa da questo esito. “uno dei principali aspetti dell’approiccio Iyengar, è quello di rendere esattamente ordinato l’allineamento muscolare e osseo, durante le pose. E poichè la STC e il suo peggioramento, sono spesso causati da un allineamento improprio, Iyvengar Yoga può rappresentare un aiuto alla prevenzione e alla cura.”
Sandy Blaine, un istruttore Yoga di influenza Iyengar, che ha aperto un centro di lavoro per la prevenzione della STC attraverso lo Yoga, nell’area della Baia di S. Francisco, dice che un semplice rimedio per diminuire i sintomi della STC, e principalmente quello di “contrastare i movimenti ripetitivi che creano i sintomi. ciò significa stirare all’indietro, collo, spalle, braccia, mani e polsi.” I suoi corsi di 75 minuti includono movimenti che impediscono la chiusura dei canali nervosi negli avambracci, così come, per la parte superiore del corpo, si effettua la posizione dell’Aquila (Garudasana), e la posizione delle mani di Anjali Mudra, o del saluto (namaste), sia davanti che dietro il dorso. Sandy raccomanda che i più pigri, passino 30 minuti al giorno stirando queste aree del corpo, meglio se in due sedute di 15 minuti ciascuna. Sandy spiega:“più questi muscoli divengono flessibili e forti, più ne raccoglieranno benefici.”

La posizione della Montagna è una posizione chiave.“Essa prende consapevolezza dalla perfetta posizione di attesa, che può essere poi trasferita sulla posizione seduta. Quando si siede o si resta in piedi con la curva dorsale perfetta, si riduce lo sforzo dei tessuti molli di testa, collo, e braccia, i quali possono essere il veicolo per la STC.”

In aggiunta, un semplice piegamento posteriore, quale l’asana Dhanurasana (posizione dell’Arco), “aiuta ad ostacolare le posizioni di appoggio posteriore che molti di noi adottano quando siedono tutto il giorno alla scrivania.”

La patologia della STC proviene da due fattori chiave principali, secondo Lasater, l’inconsapevole erroneo allineamento.“Tutte le forme di Yoga sono centrate sull’insegnamento agli studenti di essere consapevoli della propria posizione, respirazione e pensiero. Questi aiuti allontanano le abitudini alle posizioni che si assumono inconsapevolmente, le quali contribuiscono al sopraggiungere di malattie. Imparare spacificatamente come sedersi, come alzarsi, e come stirarsi durante le pause dal lavoro, può essere molto utile. Per questo lo Yoga è l’insegnamento perfetto.”

ANGELA PIRISI

Tratto da: “The Yoga Journal” luglio/agosto 2000

Save n'Keep

Bookmark condivisi e privati.

Con Save n' Keep ora è possibile!

Link correlati