Questo sito contribuisce alla audience di

OMEOTERMIA

Condizione di alcuni organismi in grado di mantenere costante la temperatura corporea indipendentemente, entro certi limiti, dalle variazioni di temperatura dell'ambiente..

Le modificazioni possono essere morfologiche o fisiologiche. Ogni animale a sangue caldo, ad esclusione degli uccelli migratori, vive in un’unica area climatica. Per quanto riguarda la distribuzione dei vertebrati in rapporto al clima valgono alcune regole.

Regola di Bergman: spostandosi verso nord le dimensioni aumentano per diminuire il rapporto superficie/volume e quindi economizzare il calore.
Regola di Allen: le parti sporgenti come gli arti, le orecchie, il becco e la coda sono più brevi nelle aree fredde che in quelle calde.
Regola di Gloger: il melanismo aumenta nelle parti più calde e umide di un areale come difesa dai raggi ultravioletti.

Per gli uccelli:
1)razze di clima freddi depongono più uova.
2)le ali degli uccelli di climi freddi o di elevate altitudini sono ridotte.

Nei rettili l’adattamento a climi molto freddi può essere ricondotto a 3 punti principali:
1) temperatura diurna sufficientemente alta per l’attività (la temperatura minima a cui i rettili sono attivi è 15°C).
2) periodo caldo dell’anno abbastanza lungo e con temperature tali da permettere la riproduzione e l’accumulo di riserve nutritive per passare in ibernazione il lungo periodo freddo.
3) ambiente adatto per l’ibernazione.
I rettili che si spingono più a nord sono *vivipari in quanto negli *ovipari le uova non fanno in tempo a schiudersi. (*vedi glossario).

Ultimi interventi

Vedi tutti