Questo sito contribuisce alla audience di

Charaxes Jasius: la farfalla del Corbezzolo

La Charaxes Jasius è una farfalla di origine tropicale, unica Nymphalidae del genere Charaxes vivente in Italia. Si tratta di un insetto Ninfalide che può raggiungere gli 80 mm. di apertura alare. Come[...]

farfalla
La Charaxes Jasius è una farfalla di origine tropicale, unica Nymphalidae del genere Charaxes vivente in Italia. Si tratta di un insetto Ninfalide che può raggiungere gli 80 mm. di apertura alare. Come detto, la farfalla vive alle nostre latitudini nella macchia mediterranea lungo la fascia costiera, contraddistinta dalla abbondante presenza della pianta del Corbezzolo.

La farfalla presenta due generazioni all’anno. La prima a maggio/giugno e la seconda ad agosto/settembre, così che alcuni esemplari possono essere individuati fino a novembre.
La femmina vola di foglia in foglia per deporre le uova, non più di 4-5 per pianta. L’uovo, che viene deposto sulla pagina superiore della foglia, è grande circa 1,5 mm. e di colore giallo. Dopo un periodo di incubazione di circa 10 giorni, si assiste ad un cambiamento di colore dell’uovo che precede la sua schiusa.
Il bruco che ne emerge è riconoscibile da una corazza a quattro punte posta sul capo. Si nutre inizialmente degli avanzi dell’uovo, prima di spostarsi stabilmente nei pressi del picciolo di un’altra foglia. Il periodo invernale viene trascorso allo stato di bruco sul fogliame degli agrumi o sugli arbusti sempreverdi di Corbezzolo. Il bruco si sposta dalla sua foglia solo alla sera per mangiare. Una volta finito il pasto fa subito ritorno alla sua foglia percorrendo sempre lo stesso tragitto. Il pieno sviluppo dura circa 1 mese nel periodo estivo e 5-6 mesi in quello invernale.

Terminato questo periodo, il bruco si appende ad un ramo in posizione verticale e incurvandosi ad uncino. Dopo qualche giorno si trasmorma in una pupa verde. Dopo circa 1 mese di metamorfosi, la pupa diventa trasparente e si apre lasciando fuoriuscire la farfalla. Quest’ultima resta immobile per circa 1 ora prima di spiccare il primo volo.

Fonte fotografica: www.flickr.com/photos/zafio

Ultimi interventi

Vedi tutti