Questo sito contribuisce alla audience di

Chiocciola: Invertebrato ermafrodita

Ordine dei Stylommatophora

chiocciola

La Chiocciola, che in gergo comune viene chiamata lumaca, è un invertebrato della classe Gaspropoda e dell’ordine Stylommatophora.
La Chiocciola possiede una conchiglia generata da una particolare sostanza, la conchiolina, prodotta dall’animale stesso. La conciglia viene utilizzata dalla Chiocciola come scudo di difesa contro i pericoli esterni e come riparo dalle condizioni atmosferiche.

La conchiglia è formata da fasce di accrescimento che, seguendo un senso antiorario, si allargano verso l’esterno formando una spirale.
La Chiocciola entra ed esce dalla conchiglia attraverso un muscolo chiamato piede.
Il piede viene anche utilizzato dalla Chiocciola per avanzare sul terreno.

Sulla testa della Chiocciola troviamo due antenne che portano, alla sommità, gli occhi e altri due tentacoli che rappresentano gli organi tattili.
La bocca è situata nel mezzo dei tentacoli tattili ed è fornita di una radula (organo simile alla lingua) munita di numerosi piccolissimi denti. Quest’ultimi hanno la funzione di triturare il cibo prima che questo venga inghiottito.

La caratteristica principale della Chiocciola è rappresentata dalla sua lentezza di movimento. Si trascina con il piede ad una velocità di circa 7-8 metri ogni ora. Nell’avanzare produce una particolare secrezione che ha lo scopo di lubrificarne il corpo. La stessa sostanza, quando la Chiocciola si ritira nella conchiglia, ha anche la funzione di creare l’epigragma (barriera protettiva).

La Chiocciola è un animale molto prudente e timido, infatti appena avverte un possibile pericolo, ritrae le antenne e si ritira nel suo guscio.
Altra particolarità della Chiocciola è che si tratta di un ermafrodito insufficiente. Nel corpo dello stesso individuo sono presenti sia l’organo femminile che quello maschile, ma per la fecondazione la Chiocciola necessita dell’accoppiamento con un altro esemplare.
A seguito dell’accoppiamento, entrambi gli esemplari saranno fecondati.

Fonte fotografica: www.flickr.com autore: C_Laura

Ultimi interventi

Vedi tutti