Questo sito contribuisce alla audience di

Zanzara

Famiglia dei Culicidae


La zanzara è un insetto che appartiene all’ordine dei Ditteri e alla famiglia dei Culicidae diffusa nelle aree antropizzate in prossimità delle zone umide.
Allo stadio larvale vengono colonizzate le acque stagnanti sia dolci che salmastre.
L’esemplare femmina di zanzara ha la capacità, attraverso l’apparato boccale, di pungere e prelevare le sostanze utili alla maturazione delle uova.

Lo sviluppo della zanzara passa attraverso un primo stadio di larva, durante questo stadio l’insetto si presenta con un grosso capo e dei segmenti toracici espansi e un addome segmentato e sottile. L’apparato boccale è masticatore, con mandibole dentate e fornite di setole usata come organo filtrante.
Durante lo stadio di pupa, si assiste allo sviluppo del cefalotorace.
L’esemplare femmina adulto presenta nell’apparato digerente dei dentelli, che hanno la funzione di rompere i globuli rossi del sangue prelevato. Nella parte terminale dell’esofago sono posti tre diverticoli. Uno di questi, detto la borsa del sangue, ha la funzione di accumulare i liquidi zuccherini di origine vegetali assunti con l’alimentazione.

La morfologia delle zanzare adulte comprende un corpo allungato, antenne piumose (il maschio ha setole più allungate), un capo privo di ocelli e con grandi occhi.
L’organo della bocca che nelle femmine ha la funzione di pungere e succhiare, nel maschio ha la sola funzione di succhiare.
L’alimentazione delle zanzare adulte si compone principalmente di nettare e liquidi zuccherini.

La riproduzione avviene attraverso uno stimolo acustico attuato dal maschio attraverso l’organo di Johnston. L’accoppiamento ha luogo in fase di volo. L’emoglobina assunta con la suzione dei fluidi ematici riveste un passaggio importante per completare la maturazione delle uova.

Fonte fotografica e crediti: www.flickr.com autore: Alex783

Ultimi interventi

Vedi tutti