Questo sito contribuisce alla audience di

Crocidura sicula

Famiglia dei Soricidae


La Crocidura sicula, il cui sinonimo è anche Crocidura siciliana, è un mammifero endemico della regione Sicilia, Ustica, Egadi e dell’Isola maltese di Gozo. Il suo habitat naturale è composto dalla macchia mediterranea, gariga e zone boschive fino a 1800 metri di altitudine.

Fisicamente la Crocidura sicula si presenta con un corpo dalla lunghezza media di circa 10-12 cm. (compresa la coda) e ricoperto da una pelliccia grigio chiaro sul dorso, solcato da sfumature brune. I fianchi presentano una linea di demarcazione decisa, che separa il ventre bianco sporco. Il corpo termina con una coda grigiastra dalla punta bianca. Il muso è allungato e appuntito e munito di occhi piuttosto piccoli.

La Crocidura sicula abita all’interno di tane scavate sul terreno al riparo dei cespugli o ricavate nelle fenditure delle rocce. L’interno della tana è rivestito con erba e foglie.
La femmina affronta diverse gestazioni ogni anno, ognuna delle quali ha la durata di circa 21 giorni e produce dai 3 ai 9 piccoli. Questi ultimi vengono accuditi per i primi 20 giorni dalla madre, prima di uscire dalla tana.

L’alimentazione della Crocidura sicula è composta da lombrichi, artropodi come lepidotteri e coleotteri e carcasse di rettili e roditori.

Fonte fotografica e crediti: eol.org autore: Miller 1900 Supplier wikimedia.commons

Ultimi interventi

Vedi tutti